Prendersi cura per una vita piena

Di Suor Erta Cigolla FMA

Madre Maria Domenica Mazzarello e la sua grande intuizione educativa

Un’istituzione come quella delle Figlie di Maria Ausiliatrice che si dedica all’educazione cristiana dei giovani non può non trovare, fin dalla sua origine,  un’esplicita vocazione pedagogica.

Maria Domenica Mazzarello, una donna senza studi, senza scienza pedagogica,  conosce tuttavia l’arte di educare.

Il suo nome non è tra le educatrici più note benché il suo nome compaia nel Dizionario Enciclopedico di Pedagogia. Di lei non si possiedono scritti sull’educazione: non ne ebbe né l’intento, né il tempo, né la possibilità data la sua limitata cultura (impara a scrivere a 35 anni!) e la sua totale carenza di una preparazione pedagogica. Nonostante questo alla prima Figlia di Maria Ausiliatrice viene riconosciuto ufficialmente un “ministero educativo” di inconfondibile portata storica.

In realtà, quando Maria Domenica  incontra per la prima volta don Bosco aveva 27 anni, e aveva già messo in cantiere un laboratorio di cucito, un orfanotrofio e un oratorio. L’incontro con don Bosco è stato la scoperta di una perfetta sintonia con l’opera del Santo dei giovani, ed era già capo di una piccola comunità. È stato un “momento rivelativo”, un’azione che veniva dall’Alto; don Bosco come madre Mazzarello in quanto educatori e fondatori appartengono al numero di coloro che sono chiamati “uomini dello Spirito”.

In un tempo di ricerca e discernimento dopo la grave malattia, improvvisamente un’esperienza che la supera: “vede” una costruzione (la prima casa delle FMA), un gruppo di ragazze e sente una “parola”: A te le affido! È una “parola” che diventa una consegna e che lei, di volta in volta consegnerà a coloro che collaborano con lei.

Una chiamata che diventa “missione”. Da quel momento chiamata e missione sono una stessa cosa.

È una “parola” che non dimenticherà più e la racconterà al primo gruppo di ragazze che si uniranno a lei. Ciò verso cui si sentiva inclinata e per cui aveva le capacità convergeva verso un progetto che la superava, ma per il quale provava una indefinibile spinta interiore. Questa “parola” l’accompagnerà sempre e diventa per noi il perno fondante di ogni azione educativa.

Le “affido a te”, “prenditi cura”, “aiuta a vivere una vita piena”, sono tutte espressioni che qualificano la missione educativa.

Qui, come credenti, è necessario metterci alla scuola del Maestro: “Io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza(Gv 10,10).

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi