Quali salesiani per i giovani di oggi?

Con la lettera indirizzata a tutti i Salesiani del mondo, il Rettor Maggiore ha avviato il cammino verso il prossimo Capitolo Generale 28° (CG28), un capitolo che presenta due interessanti novità: il ritorno a Valdocco, a 62 anni dall’ultimo che si svolse presso la Casa Madre dei Salesiani, il CG18; e soprattutto l’approccio.

È la prima volta, infatti, che un Capitolo Generale dei Salesiani prende il titolo da una domanda: “Quali salesiani per i giovani di oggi?”.

Non è semplicemente una domanda retorica, ma un’esortazione alla Congregazione a focalizzare l’attenzione sulla figura del salesiano e a “sincronizzarsi” con le esigenze della gioventù di oggi, in ogni contesto nel quale i Salesiani sono chiamati.

Questo viaggio, appena iniziato, andrà gradualmente coinvolgendo tutti i Salesiani del mondo, che con il loro contributo aiuteranno i capitolari a elaborare uno strumento di qualità da utilizzare al CG28. Al centro di tutta la riflessione c’è la figura del Fondatore, che sin da quel sogno dei 9 anni e dalle origini della Congregazione si è posto la stessa domanda.

Lo svolgimento del CG28 presso la Casa Madre di Valdocco, uno scenario pieno di significati per i Salesiani, darà sicuramente tonicità ai lavori.

Nella lettera di convocazione del 24 maggio il Rettor Maggiore propone una sfida e tre orientamenti da approfondire nei Capitoli ispettoriali. C’è un invito a cercare insieme, a rispondere a un desiderio, “il desiderio di una maggiore autenticità umana, una profondità spirituale più intensa e una coerenza vocazionale più radicale”.

La prima sfida è poi guardare in profondità la missione salesiana tra i giovani di oggi. Una seconda sfida è il profilo del salesiano che si sta formando a servire i giovani di oggi; e, infine, c’è la condivisione con i laici, nella missione e nella formazione proiettata nel futuro.

Lo scenario in cui il CG28 si compie è certamente molto complesso. I giovani oggi sono immersi in un mondo digitale, viene constata la necessità di una formazione professionale, alcuni giovani subiscono la dolorosa esperienza dello sfruttamento e, ancora, alcuni devono emigrare in altre nazioni. Queste realtà, che 30 o 40 anni fa non venivano nemmeno menzionate, oggi hanno una rilevanza impressionante per i Salesiani. Sono situazioni che portano fuori dalle sicurezze individuali e dai preconcetti.

Senza dubbio questa domanda: “Quali salesiani per i giovani oggi?” nasce da un’esperienza d’amore, dalla stessa domanda che spingeva Don Bosco mentre percorreva le strade della Torino ottocentesca. Perché solo chi vuole il bene dell’altro è alla costante ricerca di nuovi modi per fare meglio tale bene, alla ricerca di come aiutare le persone che si amano ad essere felici.

Fonte: Infoans

Mai più morire soli

Di Giovanni Marcotullio Un regalo di Natale passato forse inosservato è il protocollo che un tavolo tecnico molto assortito ha proposto alla Regione Toscana: la delibera che ha fatto proprio il protocollo ha permesso l'avvio di una procedura che permette ai parenti di...

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Matto 14, 13b-21 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   La pericope proposta nella liturgia odierna si colloca nel Vangelo di Matteo, nella sezione narrativa che separa il Discorso in Parabole dal...

3^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

3^ Domenica del Tempo Ordinario - Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Marco 1, 14- 20 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Le letture di questa domenica mi suggeriscono un percorso in tre passi: il cammino; la conversione; la meta.   1. Il cammino Ad un primo...

Laura Vicuña generatrice di vita

Di suor Anna Maria Dacrema, FMA     Desidero presentarvi Laura, una ragazza che sogna, gioca, ride, ama, soffre e prega. Una giovane alunna che studia, lavora, dialoga con l'amica del cuore e condivide le sue esperienze con i Salesiani e le suore della...

Custodire la fragilità

LE POCHE COSE CHE CONTANO oggi, in educazione   di Suor Cristina Merli, FMA     Nei momenti di crisi, se ci si lascia toccare da ciò che accade, si diventa più essenziali, si scopre ciò che è indispensabile e si impara a lasciar andare ciò che è...

Non di solo studio…

Di Daniele Somenzi   Come organizzare studio e vita sociale nel quotidiano dei ragazzi? E’ una domanda che ci siamo posti tante volte, perché l'organizzazione è un punto fondamentale della missione di “Parole Insieme”. Per questo lavoriamo tanto nel pensare i...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi