Rompere gli schemi

da | 11 Apr 2017 | La buona parola

Come vivere al meglio la Settimana Santa

di don Filippo Gorghetto

Quella che precede la domenica delle palme è, a livello di vangeli, una settimana di controversie.

Chi è questo che si crede Dio? La sua testimonianza non è vera! Questo bestemmia: dice di essere venuto da Dio!

Il nostro padre è Abramo, e questo dice che il nostro padre è Dio…È pazzo, lapidiamolo, perché crede di essere venuto prima di Abramo.

Ci si avvicina alla Pasqua, per Gesù all’unica Pasqua (la Sua!), per i suoi “avversari” all’annuale ricordo dell’uscita dei loro antenati dall’Egitto.
E mentre Gesù sta portando a compimento la storia, sta chiamando a raccolta l’uomo per dargli il modello, i sapienti tra i giudei fanno le pulci alle parole di Gesù, come stessero correggendo i punti e le virgole, lasciando perdere la sostanza di quello che si dice; si stanno concentrando su un dettaglio, dimenticando che il disegno è un po’ più grande, e che se ne apprezza la bellezza solo se lo si guarda tutto intero.

Tutto questo, perché Gesù è venuto a rompere. A rompere gli schemi.

Non gli schemi di una routine, che in base al carattere accettiamo più o meno.
Ma gli schemi del nostro rapporto con il Signore, gli schemi che tante volte ci portano a vedere Dio per convenienza, Lui di lá e io di qua, in modo che possa rompermi il meno possibile.

E quello che forse vuole indicarci non ė che schemi ha rotto e che magari noi dobbiamo seguire. No, questo ognuno lo capisce per la sua vita.
Gesù è venuto “semplicemente” a dirci che se non decidiamo ogni mattina di rompere gli schemi, ogni giornata sarà persa, sarà passata a guardare i punti e le virgole senza ricordarsi che forse c’è un testo da leggere o una storia da raccontare.
Perché quella giornata che ti vede sempre nello stesso posto, sempre con le stesse persone, non è una giornata noiosa, ma una giornata che dona, come tutte le altre, tante possibilità.
Perché quel ripetere sempre le stesse cose non è l’inutile e snervante ripetizione di un movimento, ma è l’infinita possibilità di mettere in quel “fare” un amore che è sempre nuovo e sempre rigenerante.

Accogliamo, all’inizio di questa settimana santa, l’invito di Gesù a rompere gli schemi, a non farci bastare quello che è stato il nostro cammino fino ad ora, ma a rinnovare il desiderio di metterci ancora una volta in gioco a partire dalla croce.

1^ Domenica dopo la Dedicazione

1^ Domenica dopo la Dedicazione – Anno A Vangelo di Luca, 24,44-49° Comento di suor Beatrice Schullern, FMA   In questa Giornata Missionaria Diocesana, la liturgia offre alla nostra meditazione le parole di Gesù agli undici riuniti nel cenacolo. Il sepolcro...

30^ Domenica del Tempo Ordinario

30^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo, 22,34-40 Commento di suor Silvia Testa, FMA   Nello studio della Legge, quindi della Torah, i rabbini avevano individuato 613 precetti, un lungo elenco di norme da rispettare. Nelle scuole teologiche...

A scuola per essere felici

L’Assemblea CIOFS/Scuola elabora un Manifesto per esprimere l’identità della Scuola Salesiana delle Figlie di Maria Ausiliatrice in Italia.   Il 10 ottobre 2020, il Direttivo Nazionale del Centro Italiano Opere Femminili Salesiane/Scuola (CIOFS/Scuola) si è radunato a...

Un Webinar sull’Enciclica “Fratelli tutti”

Il 9 ottobre 2020 si è svolto un webinar sull’Enciclica Fratelli tutti di Papa Francesco, promosso dall’Unione Superiori Maggiori d’Italia (USMI) e dalla Conferenza Italiana Superiori Maggiori (CISM).   Madre Yvonne Reungoat, Madre Generale delle Figlie di Maria...

Papa Francesco al TED

La crisi climatica globale ci richiederà di trasformare il modo in cui agiamo, afferma Sua Santità Papa Francesco. Tenendo un TED Talk dalla Città del Vaticano, propone tre linee di azione per affrontare i crescenti problemi ambientali del mondo e le disuguaglianze...

Ripartiamo dalle relazioni

Di Mauro Magatti e Chiara Giaccardi   La risposta alla pandemia del Covid-19 — una reazione pressoché mondiale, pur con qualche significativa eccezione — è stata il lockdown. Abbiamo fatto la cosa migliore? C’è chi dice sì e c’è chi dice no. Però, la domanda...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi