Santa Teresa d’Avila

Para siempre! Santa Teresa d’Avila, donna coraggiosa e ardente

Teresa di Gesù, più conosciuta come Teresa d’Avila, è una donna che ha dimostrato di forare i secoli. Nasce nel siglo de oro della Spagna, in una cittadina che, ancora oggi, richiama i turisti per la sua splendida cinta di 80 torri ancora conservate, l’unica in tutta Europa.

La casa di donna Teresa de Ahumada y Cepeda era collocata proprio vicinissima ad una delle porte di Avila e guardava ai torrioni. È ben noto come l’immaginario, psichico e religioso, di ogni persona sia strutturato e plasmato proprio da queste esperienze infantili e giovanili.

Che cosa accadde alla piccola Teresa? In famiglia la brigata dei figli era numerosa e vivace, Teresa amava tutti e ne era riamata ma prediligeva Rodrigo, il fratello vicino a lei per età. Insieme leggevano le vite dei santi e si infiammavano con un desiderio che rimarrà sempre vivo anche nella Teresa adulta: raggiungere il cielo!

Decidemmo di recarci nella terra dei mori, elemosinando per amore di Dio, nella speranza che là ci decapitassero, tanto era il coraggio che il Signore infondeva nelle nostre tenere anime se ne avessimo trovato il mezzo. Ma la difficoltà più grave era di aver genitori. Grande la nostra impressione quando ci occorreva di leggere che le ricompense e le pene dell’altra vita sarebbero state senza fine. Ci fermavamo spesso in questo pensiero, e godevamo di ripetere frequentemente: Sempre! Sempre! Sempre! E così piacque al Signore che ne rimanessi tanto impressionata da concepire fin d’allora il più fermo proposito di non mai abbandonare il sentiero della verità.

Perciò scapparono di casa ma furono ben presto riacciuffati. Tuttavia, quel “para siempre!” rimase inciso nel suo animo e costituì il nerbo di tutto il suo desiderare anche di donna adulta. Bimba coraggiosa e ardente. Donna coraggiosa e ardente. Sempre fondata sull’amore di Dio e l’ansia di perdere anche mille volte la vita per salvare anche una sola anima. I torrioni di Avila e i castelli si incisero in Teresa e le suggerirono un’immagine divenuta famosissima nella letteratura mondiale.

Ormai carmelitana e investita da grandi grazie della Presenza di Dio, Teresa rifletteva e si consegnava alla carta: “scriveva a torrenti nella sua cella, con la sua scrittura che somiglia a una concentrata flotta di grandi vele in marcia verso le Indie mai toccate da navi umane” (Ceronetti).
La sua grande intuizione fu leggere e comprendere il mondo interiore che abita ogni persona, il suo sentire, il suo relazionarsi agli altri, come un dimorare in un castello il cui signore è il Grande Re, il Creatore. Egli non desidera altro che farsi conoscere e percepire da ognuno, diventare l’Amico per eccellenza, Colui cui si po’ confidare tutto e da cui ci si attende ogni bene.

santa-teresa-1 CiudadMurallas2

Chi si lascia attrarre, forse anche solo dalla curiosità, e osa attraversare il ponte levatoio, entra in questo Castello e inizia a scoprire la Bellezza della vita spesa a lodare Dio e servire i fratelli e le sorelle. Scopre come la persona sia stata creata proprio per questo: conoscere Dio, amarLo sopra ogni cosa, entrare in comunione con Lui e percorrere tutto il Castello nelle sue sette dimore, fino a raggiungerne l’ultima. Qui regna la Trinità. Teresa aveva una grande consapevolezza dentro di sé: “Sono nata per Te, per Te mio cuore” e formulava la sua supplica orante “Che vuoi da me, che vuoi Signore?”.

Teresa è stata proclamata, prima donna, Dottore della Chiesa proprio averci donato la sua esperienza e insegnato come aprirci al Signore e alla sua amicizia: para siempre!

Suor Cristiana Maria Dobner
carmelitana di Concenedo
Visita il sito

Sognate e fate sognare

“Sognate e fate sognare” - Papa Francesco ai Salesiani Poveri giovani, se oltre a tutto quello che subiscono oggi, uccidiamo o calpestiamo anche i loro sogni e il loro desiderio di fare qualcosa di grande e bello con la vita.   Di don Angel Fernandez Artime  ...

La famiglia non basta a se stessa

di Luigi Ballerini   «Noi genitori non bastiamo ai nostri figli. Con il lockdown siamo stati costretti a ricordare che la famiglia non è un clan e nemmeno un rifugio, che non basta a se stessa, ma che rappresenta il punto di lancio verso tutti gli incontri...

Teatro sull’Apecar

Giacomo Poretti: il cuore del paese riparte da un matto sull’Apecar Di Annalisa Teggi L‘amatissimo attore milanese ha fatto quattro chiacchiere con noi per raccontare il suo debutto di domani con un monologo teatrale a bordo di un’Apecar. Dopo il lockdown la gente si...

I cuori ribelli del 1914

Così un liceo riporta in vita i cuori ribelli del 1914 Di Flavio Zeni 45 liceali hanno ricostruito la storia di 27 minori ritenuti “irrecuperabili” ai tempi della Grande guerra. Ne è nato un libro   Un libro che racconta le storie di 27 minori ritenuti...

Festa della Riconoscenza 2020

Grazie perché… “siamo sulla stessa barca” Tutti ricordiamo quel 27 marzo in cui Papa Francesco, da solo sul sagrato di S. Pietro bagnato dalla pioggia e segnato dal suono delle sirene delle ambulanze e dai rintocchi delle campane, ci aiutava a riflettere su queste...

Dedicato ai maturandi

Il sacerdote romano incoraggia i maturandi: “Questa difficoltà serve, ma serve a che? a prendere chissà che voto? il voto è relativamente importante. Serve perché tu cresca”. Dio permette che tu arrivi a questo momento per insegnarti la bellezza delle difficoltà....

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi