Santi: trasparenza di cielo

Un insegnante elementare portò la sua classe di terza a visitare la splendida chiesa di S. Domenico a Perugia. Percorsero la navata centrale e si fermarono ad ammirare il finestrone gotico dell’abside, con i vetri policromi. La luce del sole di quella bella mattinata primaverile veniva gradualmente filtrata dai vetri dipinti del mosaico e i bambini guardavano col naso all’insù quell’imponente vetrata bifore di santi apostoli, profeti ed evangelisti fatte di luci ed ombre intense e sfumate, in un gioco di colori e di rimandi spettacolari. L’insegnante chiese agli alunni: Chi sono quei santi lassù? Ed uno di loro rispose: Sono quelli che fanno passare la luce! L’insegnante rimase di stucco. Voleva sapere soltanto il nome dei santi, mentre il bambino ne aveva dato una perfetta definizione.

I santi sono effettivamente coloro che riflettono la luce di Cristo! Non hanno luce in se stessi, ma si lasciano filtrare totalmente dal Sole di Giustizia e per questo possono a loro volta illuminare il mondo. Sono pieni di luce perché vuoti di se stessi e dunque capaci di trasfigurarsi in quella medesima luce.

Nella vita concreta chi è convinto convince: i Santi trascinano! Se ci fossero più santi nella Chiesa, molti che sono indecisi si avvicinerebbero a Dio.

La Solennità di Tutti i Santi è memoria viva che si traduce nella conoscenza e narrazione della vita e dell’esperienza di uomini e di donne che hanno vissuto in pienezza il Vangelo.

La santità è l’espressione concreta e matura di una vita vissuta nella fede in Dio e condizione indispensabile di fecondità apostolica ed evangelica. I santi sono persone che hanno incontrato il Signore Gesù, hanno creduto in Lui e si sono lasciati guidare e plasmare dal suo Spirito, facendo risplendere la Chiesa di bellezza e luce.

La vocazione universale alla santità, solennemente affermata dai documenti del Concilio Vaticano II – e particolarmente cara alla nostra tradizione ispirata alla dottrina di San Francesco di Sales e alla proposta pedagogica del nostro padre Don Bosco – ci impegna a promuovere concretamente esperienze accessibili e pratiche buone che aiutino in modo speciale le famiglie e i giovani a incontrare Gesù. Come comunità e, in esse, come discepoli del Signore, ci è chiesta la santità della vita affinché anche nel nostro tempo la speranza del vangelo incroci l’esistenza di tutti coloro che il Signore ci affida. L’incontro coi santi è l’incontro con Gesù stesso. La frequentazione dei santi è la frequentazione del Vangelo vissuto nel quotidiano e nella semplicità della propria condizione di laici, di sacerdoti, di consacrati. La conoscenza di un santo è spesso l’inizio di un cambiamento radicale di vita. I santi ci avvicinano a Dio. In essi riscopriamo il volto santo di Dio. I santi sono la luce del mondo e il sale della terra; le loro opere buone glorificano il Padre che è nei cieli (cf. Mt 5,14-16). Essi spalancano le porte del loro cuore a Cristo e diventano trasparenza di virtù umane e cristiane.

La Famiglia Salesiana possiede un patrimonio inestimabile di santità, mostrato dalla vita dei nostri santi, beati, venerabili e servi di Dio, (in tutto 169 candidati) la cui memoria e narrazione è strumento privilegiato della nuova evangelizzazione da valorizzare attraverso una seria conoscenza, una imitazione esemplare e una corale invocazione.

“Non dimentichiamo che sono proprio i santi che mandano avanti e fanno crescere la Chiesa”. (Papa Francesco)

Don Pier Luigi Cameroni

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

No al multitasking

Di Annalisa Teggi   Il tempo è nostro alleato, un dono prezioso, eppure proprio l’illusione di fare più cose contemporaneamente ce lo fa percepire come nemico. Ecco una strategia semplice per arginare la frenesia e per dare valore a ogni cosa.   Essere...

Ennio Morricone

Ennio Morricone: «La mia musica illuminata dalla fede»   di Vik van Brantegem   Addio al grande compositore, morto nella notte per le conseguenze di una caduta. Nell’intervista che ha rilasciato a Vito Amodio nel 2015 per Famiglia Cristiana, raccontò...

Un nuovo modello di Parrocchia

La paura del contagio frena l’affluenza nelle chiese. Lenza (psicologa): “Passare a un modello di parrocchia che va verso i fedeli”   Di Serena Rubini   Contro la paura serve pensare a nuovo modello di parrocchia, aiutare gli altri e rispettare i propri...

Bud, un gigante per papà

La figlia di Bud Spencer: ho avuto un padre dal cuore smisurato   Di Annalisa Teggi   Calzava il numero 47 ai piedi, Bud Spencer «in arte Carlo Persoli» (così disse lui ridendo alla consegna del David di Donatello). Quel numero di piede così grande dice...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi