Scoprire la vicinanza di Lei

Di sr Cristiana Maria Dobner

Notre-Dame, abbiamo ancora tutti davanti a noi il rogo che ha incendiato la cattedrale di Parigi e, in un certo senso, il centro sia della religiosità sia dell’identità civile dei francesi. Le fiamme divorano e distruggono.

Pensavo alla fatica delle generazioni che, fin dal XII secolo, hanno contribuito a creare quel capolavoro che non può non attrarre anche la persona non credente. Pensavo alla catena orante che si è susseguita negli anni, alle conversioni che quei muri potrebbero narrare qualora avessero voce. Pensavo alla precarietà della vita e delle sue creazioni: in pochi minuti tutto è andato in fumo. Rimane della magnifica chiesa la Croce, l’altare centrale e la sua struttura. Tutto, proprio tutto, sarà ricostruito.

Se Maria, Nostra Signora, veglia su di noi, come e perché accadono simili disastri?

La nostra fede, la nostra religiosità, non viene scossa e bruciata insieme alle fiamme divoratrici? Qui si tocca non solo il perno della fede ma anche il punto nevralgico, quello che sussulta e duole. Sentirsi abbandonati e provati talvolta è una sensazione che corrisponde ad una realtà oggettiva.

Il passo allora può conoscere due direzioni: farla finita con la fede e ogni desiderio di comunione con Dio oppure alzare lo sguardo e chiedere l’aiuto alla Madre che ci accompagni in un percorso irto e difficile, nonché doloroso.

Scoprire la vicinanza di Lei, donna e madre, in questi momenti allenta la tenaglia che stringe fino ad urlare. Rende lo sguardo limpido che può attraversare ogni sventura sapendo che la condizione umana comporta ostacoli, frane e calamità ma che è salvata e redenta. La Madre non cambia la realtà: la cattedrale è andata in fiamme, bruciata e tale rimane. Cambia il nostro sguardo, il nostro atteggiamento, accettiamo i nostri limiti e tentiamo di ricollocarli, di chiederci quali siano le nostre responsabilità.

Possiamo, se ci lasciamo accompagnare, scoprire come donarci, quali strade di condivisione aprire e ripercorrere. La vera simpatia, intesa in senso etimologico, il patire insieme, diventa forza comune, coesione, comunione di intenti e di sforzi. Se guardiamo a Lei, alla realtà della sua vita, tutto può esservi ricondotto, purificato, possiamo ritrovare l’entusiasmo, la capacità di reagire, di ri-costruire e di sfidare tutto quanto ci avversa.

Il nostro quotidiano è bersagliato da incendi, magari invisibili. Pur sempre episodi che lasciano ustioni o segni.

Il nostro sguardo apprenderà a forare quanto avviene o anche precipita sul nostro presente e affidarsi, non con l’ingenuità superficiale di chi è ricco di verbosità ma con la certezza messa alla prova che la Madre tutto ricomporrà. E al meglio. Quante volte ci ha anche precedute? Quante volte ha evitato per noi alcune trappole? Persone o momenti reali che ci hanno tratto d’impiccio senza che noi ce ne avvedessimo mentre in realtà erano mosse da Lei perché vegliava su di noi.

Non è retorica a buon mercato o devozione stracciata ma autentica devozione: legame vivo e saldo con Lei. La Madre.

Papa Francesco al TED

La crisi climatica globale ci richiederà di trasformare il modo in cui agiamo, afferma Sua Santità Papa Francesco. Tenendo un TED Talk dalla Città del Vaticano, propone tre linee di azione per affrontare i crescenti problemi ambientali del mondo e le disuguaglianze...

Ripartiamo dalle relazioni

Di Mauro Magatti e Chiara Giaccardi   La risposta alla pandemia del Covid-19 — una reazione pressoché mondiale, pur con qualche significativa eccezione — è stata il lockdown. Abbiamo fatto la cosa migliore? C’è chi dice sì e c’è chi dice no. Però, la domanda...

Scuola, non chiudete le superiori

Di Alberto Pellai Lo psicologo Alberto Pellai nel suo profilo Facebook interviene sull'ipotesi di utilizzare la Dad per gli studenti più grandi (una riflessione che raccoglie quasi 1500 condivisioni in 4 ore). «Come genitore credo davvero che i nostri ragazzi possono...

Solo un Padre può guarire noi e la realtà

di Federico Pichetto Il 4 ottobre è stata pubblicata la nuova enciclica di papa Francesco, dal titolo “Fratelli tutti”. Tre considerazioni utili per addentrarsi nella sua lettura. FRATELLI TUTTI, ENCICLICA DI PAPA FRANCESCO. Sarà la storia a dirci se l’enciclica...

Noi adulti dobbiamo dare coraggio ai giovani

di Andrea Lonardo   Sono anni che parliamo degli adulti: ebbene sono loro che debbono oggi accompagnare le giovani generazioni ad attraversare il Covid. Cioè siamo noi! Oggi gli adulti debbono prendere in mano la situazione, in famiglia e nella scuola, nel lavoro...

La Chiesa del Myanmar e la pandemia

di Card. Charles Bo Per l’arcivescovo di Yangon, la crisi sanitaria è una sfida per l’umanità. L’emergenza coronavirus si aggrava nel Paese. Il sistema sanitario nazionale è in grave difficoltà. La comunità cattolica assiste i bisognosi con programmi di aiuto...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi