Ad Aleppo vince la speranza

da | 5 Lug 2017 | Libri

Se non vi è ancora capitato di leggerlo, “Un istante prima dell’alba”, già alla seconda edizione, è un libro che aiuta a ripercorrere gli avvenimenti di Aleppo “dal di dentro”, direttamente dalle parole di chi ha vissuto con la gente del posto e condiviso la tragedia umana, ma anche le luci di speranza che in questa città della Siria ormai tristemente famosa non si sono mai spente.

Padre Ibrahim Alsabagh, frate francescano nato a Damasco, assegnato alla chiesa parrocchiale latina San Francesco d’Assisi, racconta in quello che è un vero e proprio diario, fatto di lettere, articoli e interviste che vanno dal gennaio 2015 al gennaio 2017, l’ordinaria quanto straordinaria vita in una città lacerata dalla guerra e dall’indigenza.

Il 22 dicembre 2016 è il giorno che segna la fine del conflitto armato e la tanto attesa tregua militare: la speranza che non è mai venuta meno, attraverso la vicinanza concreta di chi, come Padre Ibrahim, non ha mai lasciato i suoi parrocchiani, ora può finalmente uscire allo scoperto e aiutare a parlare di ricostruzione.

Ma qual è il vero significato della parola speranza per chi ha perso tutto?

Riportiamo le parole di Padre Ibrahim:

Cos’è quella che definisce la “speranza di Aleppo”, padre?

Il fatto che la gente voglia vivere. Ora Aleppo è ridotta a un ammasso di macerie. Quando ci si guarda intorno non si vede un’unica cosa bella, ma i residenti amano la città. Vogliono ricostruire le proprie case. Le comunità attive nella nostra chiesa hanno avuto di recente l’idea di dipingere le strade di colori diversi per renderle meno tetre. Le autorità cittadine sostengono i nostri sforzi. La gente vuole agire.

Il periodo di guerra indica che la cosa più importante è nel cuore. La gente si riunisce e si sostiene, consapevole che si può anche risorgere dalle rovine. Una donna era a casa con il marito quando una bomba è caduta distruggendo la loro unica stanza. Ho pregato con loro e ho cercato di aiutarli offrendo un po’ di denaro. Ieri, dopo aver concluso l’opera di ricostruzione la donna mi ha detto: “Padre, è stata accesa una nuova speranza nei nostri cuori. Ancora non riusciamo a crederci; è come una rinascita come esseri umani e come famiglia; siamo estremamente grati e felici”.

La situazione in Siria farà capire alla gente che quella della Chiesa non dovrebbe essere un’evangelizzazione “attraverso la costruzione”. Papa Francesco ci esorta a compiere scelte che abbiano al centro la persona umana. Le persone colpite dalla povertà sono quelle che hanno più bisogno di noi. Non è niente di nuovo, ma vale la pena di non perderlo di vista. Sembra che il cuore di chi vive oggi in Siria goda di più libertà man mano che si ascolta lo Spirito Santo e si è fedeli all’insegnamento di Gesù Cristo.

Dopo la firma dell’accordo di pace del 22 dicembre e dopo che le organizzazioni militari hanno iniziato a ritirarsi da Aleppo non sapevamo da dove iniziare a ricostruire la città. A quel punto, in un incontro con i vescovi ci siamo chiesti da dove cominciare. Ad Aleppo il 60% delle chiese era in macerie, ma tutto il clero non ha esitato ad affermare che bisogna in primo luogo aiutare le persone a ricostruire le proprie abitazioni.

Da Aleteia.org – Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti

 

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

No al multitasking

Di Annalisa Teggi   Il tempo è nostro alleato, un dono prezioso, eppure proprio l’illusione di fare più cose contemporaneamente ce lo fa percepire come nemico. Ecco una strategia semplice per arginare la frenesia e per dare valore a ogni cosa.   Essere...

Ennio Morricone

Ennio Morricone: «La mia musica illuminata dalla fede»   di Vik van Brantegem   Addio al grande compositore, morto nella notte per le conseguenze di una caduta. Nell’intervista che ha rilasciato a Vito Amodio nel 2015 per Famiglia Cristiana, raccontò...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi