Di grano e d’immenso

da | 3 Gen 2020 | Libri

Quando le parole diventano ali.

Di Suor Cristina Merli, FMA

Durante un incontro sulla poesia con un gruppo di giovani, David Maria Turoldo si rivolse a loro così:

“La poesia come stato poetico è di tutti. E quando voi davanti ad un’opera d’arte, davanti a un tramonto, davanti ad un evento, magari clamoroso e umano, a due amici che si incontrano, due fratelli che perdonano, che fanno pace, voi dite “che bello”, davanti a un’opera d’arte “che bello” e vi accorgete che la parola muore, vien meno… quello è il momento poetico per eccellenza, lo stato di grazia poetico e questo lo avete tutti. È di tutti come stato d’animo ed è semplice e genuino, profondo e intatto. È chiaro però che poi non tutti riescono ad esprimersi o a diventare conchiglia del mare per questa parola. Ed è allora che il poeta subentra come voce universale, come voce di tutti.”

Sperare è del poeta, sperare è più difficile che credere. Incontro con la poesia di David Maria Turoldo. Dimensione “S” Editrice – 1992

Leggere le poesie di Martino è incontrare una voce intima e nello stesso tempo universale, è avvicinare una conchiglia all’orecchio e sentire parole-ali che ti fanno volare dentro e oltre. Parole di vita, dolore, entusiasmo, gioco, disperazione sempre accompagnate da un rivo di speranza, sotterraneo o in piena luce, un rivo di speranza che si chiama Amore.

Ad ogni pagina corrisponde una carezza, ricevuta per la sua capacità di dire parole in grado di spiegare ciò che spesso non ha voce e a lui donata con tenerezza e com-passione laddove la sofferenza si fa più intensa.

È un giovane cardiolgo, Martino, che fin da adolescente trova nella poesia un modo per esprimere intense domande di senso e malinconie che lo accompagnano. Ed è questa sensibilità accesa che fa da sfondo alla raccolta e al suo lavoro tra le corsie di un ospedale.

Scrive Sisto Caccia nella prefazione: “Caro Martino, sei un uomo che legge il segreto delle cose. Qualunque realtà tu sfiori, essa ti lascia dentro la grandezza della sua portata e tu la tramuti in poesia. Di modo che la tua poesia […] diventa espressione del cammino di una vita, ma allo stesso tempo è un mezzo per combattere le tue lotte, allargare la tua capacità di possesso, approfondirti all’infinito. Le tue battaglie iniziano proprio quando hai la percezione di essere piegato nel finito: è il piccolo che ti soffoca!”.

Parole-ali che fanno volare oltre, che schiudono l’infinito e, inevitabilmente, aprono all’altro.

Nell’intento di Martino, infatti, c’è anche il bisogno di offrire, attraverso la sua poesia, una compagnia soprattutto a chi soffre, perché possa “percepire un contatto, un calore, una speranza, addirittura consolarsi”. Consolare della stessa consolazione che ha ricevuto egli stesso nelle relazioni con gli altri, nell’amore, nella forza della fede, nell’incontro rivoluzionario con Cristo.

“Di grano”, per dire di una vita vissuta, terrestre, sofferta come il chicco, che prima di dare frutto deve morire.

“D’immenso”, per l’anelito all’Infinito che esplode in alcuni versi e che smargina ovunque. E che fa chiudere (provvisoriamente) questo percorso con parole-fontana vivace di Vita.

 Pazzo, sei pazzo,
sei molto più pazzo di me;
e quando sono pazzo
sono un poco
come Te.

Martino Provini, Di grano e d’immenso. Poesie d’amore. Effatà Editrice, Cantalupa (To), 2019

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi