La bellezza che ci appartiene

da | 21 Set 2020 | Libri

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande amico di Romena.

 

Era un semplice prete. Ora è un Cardinale. Viveva nel cuore della vita pubblica portoghese. Ora in mezzo al silenzio vivo di migliaia di libri antichi, nella Libreria Vaticana, di cui è direttore. Ci sono cambiamenti di ruolo e di luogo che cambiano la vita delle persone senza però intaccarne il nocciolo. “La cosa importante per tutti, per un religioso o per un laico, è essere un cristiano originale, perché il profumo dell’autenticità è una forma di preghiera” sottolinea Josè Tolentino Mendonca. Non sono i ruoli che ci definiscono, questo è il suo messaggio, è la sorgente che conta: “Anche se sento come una responsabilità grande questo ruolo che mi è stato affidato cerco di portarlo avanti nella forma più semplice, costruttiva, evangelica, che riesco”.
Tolentino è venuto a trovarci come un qualunque viandante. Non è la prima volta. Ama tornare a Romena, ama riscoprirla ogni volta. Questa volta possiamo consegnargli il libro che lui ci ha regalato “La bellezza che ci appartiene”: un nuovo segno dell’amicizia che ci unisce, un dono di luce per tutti noi.

Vorrei partire dalla copertina del libro. È un’immagine che viene dal monastero di Capuchos, nel suo Portogallo, che ci colpisce. Perché per parlare della bellezza immagineremmo colori vivaci, invece è un’immagine scura, ritrae un ambiente di grande nudità. Perché questa scelta?

Sono andato in questo luogo con don Luigi e abbiamo trovato questa stanza, la stanza dell’incontro, dove i monaci anticamente mangiavano insieme. È un luogo abitato ancora dalla memoria di quell’intimità. Loro non ci sono da secoli, ma rimane un odore, un’ombra, un silenzio che è quello di una fraternità vissuta che la morte non riesca a cancellare.

Quindi è l’incontro che ci dà l’esperienza della bellezza.

L’incontro ci fa fare esperienza di bellezza. La bellezza è qualcosa che appare, o qualcuno che appare e ci lascia stupiti. E ci lascia con una domanda senza risposta più grande di tutte le risposte. E quell’incontro con la bellezza ci ricorda la cosa più preziosa: la vita è più grande di noi stessi.

In che modo ci si rende permeabili allo stupore, e quindi alla bellezza?

La filosofa Simone Weil diceva che l’attenzione è una forma di preghiera. Per essere colpiti dalla bellezza, basta un attimo di attenzione perché tutto parla, tutto canta, tutto ha intorno a noi ha una luce, tutto può guarire il nostro cuore assetato. Alle volte diciamo che Dio è invisibile e noi siamo visibili, mi piace pensare che è il contrario; che noi siamo invisibili e che Dio è visibile: Dio si lascia toccare, ascoltare, si lascia catturare nel suo odore, nel suo segreto. Dobbiamo cercare questo attimo di attenzione, di connessione. Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione.

Colpisce la vastità delle sue conoscenze, ma anche la capacità di tradurla in una maniera molto semplice, immediata. Come riesce a cogliere le sorgenti che arrivano da tutto il mondo e rendersi permeabile alla bellezza?

Il segreto è essere un mendicante. Io mi sento un mendicante e ogni giorno busso alla porta di quelli che possono darmi una parola per il viaggio. Noi abbiamo tanti maestri, a volte diciamo di non trovarne, ma i maestri esistono, dobbiamo ricominciare a cercarli. Diceva Walt Whitman: “io non capisco gli atei, perché una rana o un topo sono un miracolo sufficiente per vincere tutta l’incredulità”.

Cosa non è bellezza?

Non sono bellezza la violenza, l’odio verso l’altro, la chiusura completa alla vita, le forme di sofferenza imposte ai poveri, alle vittime della storia. Quella è l’antibellezza. Tutto quello che sta dalla parte della vita, per piccolo che sia, per diverso che sia, ha in sé una scintilla, una capacità di suggerire l’infinito.

Questo libro è nato prima del lockdown, ma poi ha attraversato questi mesi impensabili. In questi mesi la bellezza come l’ha accompagnata?

La bellezza non è qualcosa che cerco quando tutto va bene, ma è un nutrimento per tempi difficili. La bellezza è quello che non può mancare. Etty Hillesum, nel campo di concentramento di Westerbork, scriveva questo nel suo diario: “i tempi bui che noi viviamo, quando sentiamo che la vita viene meno, sono i tempi propizi per guardare i gigli del campo”. Questa frase non mi abbandona mai. Questo tempo che ci ha colti così impreparati, che ci ha rivelato una vulnerabilità collettiva che noi non pensavamo, che ci ha fatto percepire tutta la nostra fragilità, è il tempo per guardare i gigli del campo.

 

Fonte: Giornalino di Romena, agosto 2020

Mai più morire soli

Di Giovanni Marcotullio Un regalo di Natale passato forse inosservato è il protocollo che un tavolo tecnico molto assortito ha proposto alla Regione Toscana: la delibera che ha fatto proprio il protocollo ha permesso l'avvio di una procedura che permette ai parenti di...

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Matto 14, 13b-21 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   La pericope proposta nella liturgia odierna si colloca nel Vangelo di Matteo, nella sezione narrativa che separa il Discorso in Parabole dal...

3^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

3^ Domenica del Tempo Ordinario - Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Marco 1, 14- 20 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Le letture di questa domenica mi suggeriscono un percorso in tre passi: il cammino; la conversione; la meta.   1. Il cammino Ad un primo...

Laura Vicuña generatrice di vita

Di suor Anna Maria Dacrema, FMA     Desidero presentarvi Laura, una ragazza che sogna, gioca, ride, ama, soffre e prega. Una giovane alunna che studia, lavora, dialoga con l'amica del cuore e condivide le sue esperienze con i Salesiani e le suore della...

Custodire la fragilità

LE POCHE COSE CHE CONTANO oggi, in educazione   di Suor Cristina Merli, FMA     Nei momenti di crisi, se ci si lascia toccare da ciò che accade, si diventa più essenziali, si scopre ciò che è indispensabile e si impara a lasciar andare ciò che è...

Non di solo studio…

Di Daniele Somenzi   Come organizzare studio e vita sociale nel quotidiano dei ragazzi? E’ una domanda che ci siamo posti tante volte, perché l'organizzazione è un punto fondamentale della missione di “Parole Insieme”. Per questo lavoriamo tanto nel pensare i...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi