La voce delle cose perdute

da | 3 Lug 2018 | Libri

È capitato a tutti noi di avere l’impressione di aver perso qualcosa, di sentirci soli e incompresi.

Walter, il dodicenne protagonista di questo romanzo, soffre di un disturbo che gli impedisce di articolare bene i suoni. Odia le parole e ha deciso di chiudersi nel suo piccolo mondo, la pasticceria della madre, una volta rimasto orfano del padre. Insieme a Milton, il fidato cane, sta per intraprendere un viaggio di formazione che lo porterà ad attraversare le strade di New York alla ricerca di un fantomatico libro, prezioso dono fatto alla madre da una mendicante, pegno di generosità ricevuta.
Inizierà così una caccia al prezioso tesoro, tra realtà e magia, che porterà Walter ad imbattersi in personaggi e luoghi pittoreschi. A vincere le sue insicurezze senza paura di smarrirsi, perché ciò che è perduto sarà sempre ritrovato da chi è abbastanza coraggioso da aprire gli occhi al desidero di certezze.
Prosa poetica e piena di speranza quella dell’autrice, che si perde però in troppe descrizioni e divagazioni che alla fine rendono molto lenta la parte centrale del romanzo. Valore aggiunto la preparazione delle leccornie pasticcere, più di una volta ho dovuto fermarmi nella lettura per un dolce e frugale spuntino…
La ricerca del libro è una metafora per non perdere la speranza di ritrovare il padre. Il risultato sarà l’esperienza meravigliosa di aprirsi e diventare parte di una storia in cui coraggio e gentilezza potranno cambiarti la vita. In meglio.

Romanzo di formazione, sulla speranza e la magia di credere.

Riccardo Vaccari

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore – Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 22, 34-40 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   L’imperativo dell’amore percorre come un filo rosso le letture di questa V domenica dopo il Martirio di S....

26^ Domenica del Tempo Ordinario

26^ Domenica del tempo ordinario - Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 21, 28-31 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Un uomo aveva due figli… Sono due i modi in cui possiamo rispondere a Dio: con il sì, oppure con il no. La parabola che abbiamo ascoltato...

La terra va contemplata e protetta

Francesco prosegue il ciclo di catechesi nel periodo di pandemia riaffermando che “chi vive per sfruttare la natura, finisce per sfruttare la gente”, mentre compito di tutti è custodire il creato “per dare un futuro alle nuove generazioni” Di Adriana Masotti  ...

Le FMA vicine al popolo libanese

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.   (Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto...

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi