Lo zaino di Emma

da | 17 Feb 2015 | Libri

“Molti pensano che la disabilità sia un dono scrive l’autrice, mamma di una bimba down. Ma chiedetelo ai nostri figli.
La sindrome di Down non è un dono, mia figlia è un dono, ma per com’è lei, non per la sindrome”.

A proposito della disabilità, Martina Fuga, mamma di Emma, sente tutta la sua impotenza a vincerla. A togliere quello “zaino” dalle spalle di sua figlia lei ce la mette tutta, ma fino a che punto? E sente di dover arrendersi a quanto, inevitabilmente succederà. Quel peso limitante, si dice: “Non posso portarlo io al suo posto! Un giorno lei vorrà toglierselo quello zaino e io dovrò spiegarle che non è possibile. Quel giorno sarà il più difficile della mia vita.”

L’autrice e protagonista di questa storia vera racconta, con coraggio e tenacia, la sua vita con Emma. Racconta lo straordinario rapporto che lega una madre a una figlia e offre spunti di riflessione a chiunque si interroghi sul senso vero della Vita.

Martina Fuga- Ed Mondadori

 

L’incontro di Emma con il Papa

Incontrare il Papa metterebbe soggezione a chiunque, dicevo, ma non a Emma. Emma è a suo agio in qualsiasi situazione, Emma sa comunicare con tutti e nemmeno il suo linguaggio dispettoso glielo impedisce, Emma sa vivere qualsiasi esperienza qui e ora, Emma coglie l’attimo senza perdersi il meglio della vita. Prova a insegnarmelo da 9 anni e prima o poi lo imparerò anche io. C’è stato solo un attimo in cui era preoccupata, quando ha realizzato che il Papa era argentino, ma l’ho rassicurata che l’avrebbe capita anche se parlava in italiano ed è bastato a farla tornare serena.
Trovatasi di fronte a Papa Francesco lo ha guardato dal basso a distanza di sicurezza, le ha preso la mano solo quando lui l’ha allungata verso di lei e le ha baciato l’anello come se conoscesse la procedura alla perfezione, ma lui ha sciolto le formalità e le ha preso il viso fra le mani e l’ha guardata dritta negli occhi come pochi sanno fare, lei gli ha detto quello che aveva nel cuore e lui l’ha abbracciata stretta stretta. Noi tutti un passo indietro, come sempre, perché per tutti e quattro prima viene Emma, sempre. Dopo che anche noi lo abbiamo salutato e abbiamo fatto la foto di rito, per lei non era abbastanza, ha attirato di nuovo la sua attenzione e gli ha detto: “Ciao Papa!”, lui le ha regalato un sorriso spontaneo e le ha risposto: “Ciao bella!”, Emma non aspettava altro, non aspettava altro che capire che la tensione era sciolta, che poteva essere se stessa, che quello che era davanti a lei era un uomo buono, un uomo semplice, il Papa di tutti, il Papa che come prima parola ci ha riservato un “Buonasera”, che per lui le formalità non contavano davvero, che a lui quello che interessa è raggiungere il cuore delle persone. Così ha puntato di nuovo lo sguardo verso di lui, ha alzato la sua manina aperta e gli ha detto “dammi un cinque”, lui senza esitare un attimo ha aperto la sua mano per battere il cinque a Emma, ridendo di cuore. Paolo, che come Emma sa godersi sempre il presente, ha incrociato lo sguardo di Papa Francesco e Padre Georg, e per un attimo hanno riso insieme della spontaneità di Emma e di quel gesto informale, pieno di complicità e vicinanza. Solo allora Emma ha abbassato lo sguardo ed è andata al suo posto con un sorriso compiaciuto sulle labbra.

Liberamente tratto da: “IMPREVISTI”

FMA-dammi-il-cinque

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Matteo 4,1-11 Commento di suor Beatrice Schullern, FMA   “In questo tempo di Quaresima, accogliere e vivere la Verità manifestatasi in Cristo significa prima di tutto lasciarci raggiungere dalla Parola...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Marco 1,12-15 Commento di suor Silvia Testa, FMA   L’evangelista Marco, nei suoi pochi versetti che descrivono la pericope delle “tentazioni”, ci regala, attraverso alcuni verbi suggestivi, un...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi