È la storia vera di Samia, una ragazzina somala nata con il vento nelle gambe e un grande sogno: partecipare alle Olimpiadi con la sua Nazionale, nonostante la guerra che affligge il suo Paese.

Di Giuseppe Catozzella

È una storia che entra nell’anima.

È la storia della realizzazione di questo sogno: ancora oggi si può vedere su YouTube un filmato che la immortala alle Olimpiadi di Pechino (2008). È sorprendente l’emozione che suscita nel pubblico il grandissimo sforzo di quello scricciolo che corre tra le più grandi velociste del mondo… poco importa che si aggiudichi l’ultimo posto.

È la storia di un ulteriore sogno: raggiungere l’Europa per avere la possibilità di allenarsi sul serio, a pari condizioni degli atleti veri e correre così alle Olimpiadi di Londra (2012). Questo nuovo sogno spinge Samia a intraprendere il Viaggio: lo stesso viaggio di ottomila chilometri che milioni di migranti decidono di affrontare alla ricerca di una vita migliore, della felicità.

Ma è anche una storia di amicizia e di dolore, di fragilità e di tenacia, di sofferenza e di gioia, di vita e di morte.

È un libro da non perdere: dolce e amaro allo stesso tempo, come la vita di una ragazza che non ha mai smesso di sognare,  dai 13 anni in su.

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi