Oscar Romero ha ispirato “A Future Not My Own” di Matt Maher, la liberazione è essere consapevoli che non possiamo fare tutto da noi.

Noi vediamo in parte, ma il Tuo amore vede ogni cosa.

Il Beato Oscar Romero ha ispirato una delle prime canzoni dell’album Saints and Sinners di Matt Maher. Una preghiera attribuita al vescovo e martire termina con la frase:
“Siamo profeti di un futuro non nostro”.

“L’ultima parte della preghiera mi ha davvero colpito”, dice Maher. “Ho pensato, Ecco di cosa ho bisogno. Ho bisogno di un futuro che non mi appartiene. Ho deciso di scrivere una canzone immaginando cosa potrebbe succedere quando qualcuno legge quella preghiera. Come potrebbe rispondere? La canzone è quindi diventata risposta alla preghiera ‘ Dio, ho bisogno di un futuro che non mi appartiene. Ho bisogno di un futuro che non ho disegnato io’ ”.

La preghiera esprime il paradosso delle virtù cristiane: l’intima connessione tra umiltà e magnanimità. Da soli possiamo fare così poco, ma quando riconosciamo la nostra povertà, lasciamo spazio al Signore di operare attraverso di noi e di compiere cose grandiose, anche se questo dovesse significare soltanto piantare dei semi in questa vita.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Nella nostra vita riusciamo a compiere solo una piccola parte di quella meravigliosa impresa che è l’opera di Dio. Niente di ciò che noi facciamo è completo.
Non possiamo fare tutto, però dà un senso di liberazione l’iniziarlo. Ci dà la forza di fare qualcosa e di farlo bene.
Può rimanere incompleto, però è un inizio, il passo di un cammino. Una opportunità perché la grazia di Dio entri e faccia il resto.
Può darsi che mai vedremo il suo compimento, ma questa è la differenza tra il capomastro e il manovale.
Siamo manovali, non capomastri, servitori, non messia.
Noi siamo profeti di un futuro che non ci appartiene.

 

UN FUTURO CHE NON MI APPARTENGA (Traduzione sr Chiara Papaleo)

Dio mi frena
Sono come un fiume che scorre
schiacciato al suolo
Lo sento dominare
Sono in ginocchio
Sono incompleto

Questo è un grande sconosciuto
L’amore è una strada lunga e stretta
Vieni a caccia di questo cuore di pietra
Ho bisogno di un futuro che non mi appartenga

Il tuo spirito geme
Dove tutte le mie parole stanno cessando
Non posso farlo da solo
Signore aiuta la mia incredulità
La mia povertà
Sono incompleto

Questo è un grande sconosciuto
L’amore è una strada lunga e stretta
Vieni a caccia di questo cuore di pietra
Ho bisogno di un futuro che non mi appartenga

che non mi appartenga

noi vediamo l’inizio ma tu vedi la fine
noi vediamo in parte ma il tuo amore vede tutto
Noi piantiamo i semi, ma tu li fai crescere
noi stiamo costruendo un edificio, tu stai costruendo una casa

Questo è un grande sconosciuto
L’amore è una strada lunga e stretta
Vieni a caccia di questo cuore di pietra
Ho bisogno di un futuro che non mi appartenga

Questo mondo non è casa mia
Ho ancora miglia e miglia da percorrere
Vieni a infrangere questo cuore di pietra
Ho bisogno di un futuro che non mi appartenga

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi