“Lovers’ eyes” – Mumford & Sons

da | 26 Apr 2016 | Musica

Interpretare questa canzone non è facile.

Questa canzone assomiglia molto a Demons: è una richiesta di aiuto a qualcuno – molto probabilmente a Dio – affinché cambi il suo sguardo, estremamente superficiale ed egoista nei confronti dell’amore.

Uno sguardo che non gli permette di entrare in relazione con gli altri, né di amare veramente. Il finale è pieno di speranza, in un atto di fiducia nel prossimo, ripetendo più volte: “Cammino lentamente, prendi la mia mano, aiutami nel cammino”.
Anche se a loro non piacere essere chiamati una band cristiana, le famiglie di due dei membri del gruppo sono cristiane e questo ha sicuramente influenzato alcuni dei loro testi (come questo, per esempio).
Buono a sapersi!

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

OCCHI DI AMANTE

L’’amore era stato gentile per una volta
Adesso fa solo male, e mi rende cieco
Questi specchi sono infestati da occhi troppi luminosi
Che non riesco a vedere gli altri nella mia vita
Ma siamo troppo giovani, le nostre teste troppo forti
Per sopportare il peso degli occhi di questa amante
Perché mi sento nudo sotto la sua lingua
Sotto la maledizione degli occhi di questa amante

Non domandare il prezzo che pago,
devo vivere con la mia rabbia silenziosa
Doma i fantasmi nella mia testa
che corrono liberamente e mi desiderano morto
Dovresti scuotere le mie ceneri al vento
Signore, perdona tutti i miei peccati
Oh, lasciami morire qui dove sono,
sotto la maledizione degli occhi della mia amante

Perché non c’è nessuna bevanda o droga che ho provato
In grado di liberarmi degli occhi di questa amante
Perché mi sento nudo sotto la tua lingua
La tua forza mi fa sentire meno forte

Non domandare il prezzo che pago,
devo vivere con la mia rabbia silenziosa
Doma i fantasmi nella mia testa
che corrono liberamente e mi desiderano morto
Dovresti scuotere le mie ceneri al vento
Signore, perdona tutti i miei peccati
Oh, lasciami morire qui dove sono,
sotto la maledizione degli occhi della mia amante

Ma camminerò lentamente, camminerò lentamente
Prendi la mia mano, aiutami lungo il cammino.
Ma camminerò lentamente, camminerò lentamente
Prendi la mia mano, aiutami lungo il cammino.

E camminerò lentamente, camminerò lentamente
Prendi la mia mano, aiutami lungo il cammino.

E camminerò lentamente, camminerò lentamente
Prendi la mia mano, aiutami lungo il cammino.

Aaaahhhh ahhhhh ahhhhhhhh.

Perché camminerò lentamente, camminerò lentamente
Prendi la mia mano, aiutami lungo il cammino.

 

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore – Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 22, 34-40 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   L’imperativo dell’amore percorre come un filo rosso le letture di questa V domenica dopo il Martirio di S....

26^ Domenica del Tempo Ordinario

26^ Domenica del tempo ordinario - Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 21, 28-31 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Un uomo aveva due figli… Sono due i modi in cui possiamo rispondere a Dio: con il sì, oppure con il no. La parabola che abbiamo ascoltato...

La terra va contemplata e protetta

Francesco prosegue il ciclo di catechesi nel periodo di pandemia riaffermando che “chi vive per sfruttare la natura, finisce per sfruttare la gente”, mentre compito di tutti è custodire il creato “per dare un futuro alle nuove generazioni” Di Adriana Masotti  ...

Le FMA vicine al popolo libanese

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.   (Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto...

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi