La Misericordia all’opera

Tutte le pietre preziose, gettate nel miele, diventano più splendenti,
ognuna secondo il proprio colore, così ogni persona si perfeziona nella sua vocazione,
se l’unisce alla devozione…

È un errore, anzi un’eresia, voler escludere l’esercizio della devozione dell’ambiente militare,
dalla bottega degli artigiani, dalla corte dei principi, dalle case dei coniugati”.

(San Francesco di Sales)

Sales2016
Aprire questo spazio dedicato alla Comunità Educante citando il santo vescovo di Ginevra patrono dei salesiana, proprio in occasione della memoria liturgica che lo celebra, ci sembra il miglior modo per mettere, già da subito, all’opera la misericordia.
La citazione, tratta dal capolavoro che ha per titolo “Filotea”, pur datato 1608 è di una straordinaria attualità. Anticipa infatti il protagonismo dei laici tema sviluppato tre secoli dopo nel Concilio Vaticano II, anzi lo supera nella profetica intuizione di una vera e propria “teologia del laicato” che apre a una riflessione profonda e interessante sulla vocazione dei laici nella Chiesa.

La devozione di cui Francesco ci parla, oggi si traduce nell’amore di Dio per l’umanità. Tale amore assume una caratteristica del tutto esclusiva e che risponde al termine di Misericordia.

Anzi la misericordia diventa un vero e proprio sguardo sul mondo e sul l’umanità. Lo sguardo con il quale Dio ci guarda e che ci consegna perché impariamo a guardare il mondo, la storia e l’intera umanità con la lente della misericordia, cominciando proprio dai piccoli che ci vengono affidati quotidianamente. In questa prospettiva la comunità educante è chiamata a scoprire la propria vocazione. Così la misericordia diventa un modo di essere nel mondo e di operare nel quotidiano.

Per il Cardinale Angelo Scola è un vero e proprio stile che diventa coinvolgimento comunionale di tutte le figure che vivono un rapporto educativo con i ragazzi/e in un rapporto di amicizia in Cristo tra tutti gli educatori. Ciò crea un ambito di relazioni nuove nelle quali il ragazzo/a percepisce un insieme di legami, azioni e gesti che rendono concreta la Misericordia.

Dunque l’opera educativa è un’opera di misericordia e nell’educare la misericordia si fa concreta si “opera”. I gesti, le parole, gli sguardi… Tutto concorre al bene e rivela il bene.

Nasce a questo punto un invito e una provocazione, riprendendo ancora le parole del Cardinale di Milano:

i membri della comunità educante sono chiamati a lasciarsi educare dall’opera che compiono, devono lasciarsi educare mentre educano”. Vivendo come ne sono capaci la sequela a Cristo, lasciandosi trasformare dalla misericordia di Dio”.

Attraversare e far attraversare ai ragazzi che incontriamo nel nostro servizio educativo i gesti e le parole che rendono presente questo modo speciale che Dio ha di amare gli uomini è la “mission” di questo anno giubilare. Non si tratta però di inventare o scoprire cose nuove, ma semmai di riprendere in mano il Vangelo, rileggendolo alla luce della sua spiazzante concretezza, fatta di sguardi, gesti, parole che penetrano il quotidiano dei luoghi dove raggiungiamo i ragazzi con cui condividiamo tempo, energie, emozioni.: la scuola, l’oratorio, le associazioni… .

La comunità diventa “educante” se chi la compone vive per primo, come ne è capace , la sequela a Cristo e ne fa condizione di conversione permanente nella propria vita.

Concretamente in questo anno della misericordia, proprio come dice il titolo del nostro spazio di riflessione e condivisione, ci impegniamo attraverso del materiale, delle considerazioni, delle immagini a fornire qualcosa che nutra il cuore e stimoli il desiderio di camminare e far camminare. L’intento vuole essere quello di passare in rassegna le azioni di misericordia che nel vangelo Gesù stesso ci ha consegnato per lasciarci interrogare su come esse operano e su come le mettiamo in opera nella nostra vita per e con i ragazzi che a vario titolo ci vengono affidati.

Lasciamoci introdurre in questa riflessione da una domanda che troviamo al capitolo 25 del vangelo di Matteo. Essa è anche una provocazione, un programma di vita e, perché no, anche preghiera quotidiana della Comunità Educante.

“Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere?

Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito?

E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti?

…Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli…”

La risposta, per quanto nota, si badi a non incastonarla con arte tra gli alti scaffali del grande magazzino delle cose scontate…. In quell’OGNI VOLTA e i quei PIU’ PICCOLI ci sta la vocazione di ogni Comunità Educante; il suo quotidiano impegno nel mettere all’opera la Misericordia del Padre.

Buon Anno della Misericordia!

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Etica digitale

di Giada Aquilino   Parole scelte con cura, considerando sempre che hanno conseguenze e senza dimenticare che i social media sono luoghi virtuali, ma che le persone che vi si incontrano sono reali. Alla luce di tale riflessione Cube Radio, l’emittente accademica...

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi