Il tesoro delle vacanze: uno scrigno da tenere aperto ogni giorno

Tornando a scuola dalle vacanze, soprattutto quelle lunghe natalizie, c’è a volte un senso di amarezza più che di serenità che aleggia posandosi sui volti e sulle parole.
Eppure, in situazione di normalità, sia gli studenti che i docenti abbiamo avuto più di un’occasione per riposare, per rilassarci, per vivere ore di festa e bei momenti familiari.

Ci si vede e ci si saluta a volte stanchi e affannati, non sembra proprio di aver passato giornate belle e piacevoli.

Che fine hanno fatto gli auguri inviati e ricevuti pieni di gioia?
Dove sono finiti gli auspici di rinnovamento e di tempi migliori rivoltisi reciprocamente?
A chi sono stati lasciati i ricordi delle serate di festa, di condivisione, di fraternità, di allegria?

Neanche i regali, soprattutto quelli desiderati e apprezzati, paiono farci star bene e ricordarci l’euforico countdown di fine anno, i baci, gli abbracci, i sorrisi. Ciò che ci dovrebbe riempire il cuore, al contrario ci svuota e al massimo ci resta la pancia piena; ciò che dovrebbe rilanciarci nelle attività giornaliere, ci trattiene e appesantisce; ciò che dovrebbe rinnovarci, ci invecchia e ci fa sentire pari al foglio strappato del calendario scaduto!
Sarà colpa della crisi, del solito atteggiamento del “poteva andare meglio” oppure “sono stato malato per tutte le feste”, ma perché farsi rubare così il desiderio professato di un anno nuovo, migliore, diverso, intenso? Studiamo, leggiamo, approfondiamo, scriviamo, analizziamo, scrutiniamo, progettiamo, tuttavia rischiamo costantemente di non riuscire a conservare la gioia, i sogni, i buoni propositi, i bei ricordi, i doni. È come se le vacanze fossero una bolla di sapone di più di due settimane oppure uno di quei sogni notturni infiniti, che svaniscono improvvisamente all’alba del ritorno a scuola in gennaio. Invece le feste ci lasciano segni e sogni come se fossero regali preziosi che ci aiutano ad affrontare il quotidiano che diventa più luminoso in virtù di quanto vissuto.

Le vacanze non sono una parentesi e basta tra le fatiche ordinarie, bensì sono il sale che dà gusto anche a ciò che verrà dopo, il sole che dà luce pure ai giorni tristi successivi, la fiamma che mantiene calde le notti fredde del cuore, l’abbraccio che consola quando qualcuno ci manca.
Se solo l’esperienza della famiglia e degli amici riuniti felicemente attorno al presepe o ad una mensa imbandita, ci ricordasse ogni giorno il valore di creare e mantenere relazioni significative con chi ci circonda nel luogo di studio e di lavoro; se uno solamente degli auguri fatti o ricevuti – chissà quanti sul web o di persona – fosse fissato a mo’ di promemoria, calamitato sul frigorifero, scelto ogni giorno come viatico; se il ricordo di essersi ritrovati dopo tanto tempo e aver gustato ogni attimo insieme, potesse trasformare la tristezza dell’addio nella serenità dell’arrivederci; se ogni regalo incartato o scartato con meraviglia e attesa, fosse il simbolo della vita donataci ogni giorno e della vita da donare.

Marco Pappalardo

San Giovanni Paolo Magno

Le familiari conversazioni, da giugno 2019 a gennaio 2020, tra Papa Francesco e il teologo e scrittore don Luigi Maria Epicoco sono diventate un libro: SAN GIOVANNI PAOLO MAGNO. Sulla copertina c’è una bellissima fotografia di Giovanni Paolo II che abbraccia l’allora...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Giovanni 4,5-42 Commento di Suor Graziella Curti   Ascoltando il Vangelo di oggi si direbbe che Giovanni sia anche un po’ un regista cinematografico. Prima di giungere al messaggio centrale...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Marco 9,2-10 Commento di suor Gemma Paganini, FMA     Il Vangelo di questa domenica seconda di Quaresima ci presenta uno di quei passaggi davanti al quale ci sarebbe solo una cosa da fare: entrare con...

Convegno Vides 2021

Un appuntamento formativo prezioso per tutti: il convegno Vides Lombardia di sabato 13 marzo. Metteremo a fuoco il tema della “conversione ecologica” tanto auspicata da Papa Francesco e messa in risalto nell'Enciclica “Laudato si'”. Interverranno relatori...

Nel profondo, immersioni dantesche

UFO e associazione Flangini celebrano il settimo centenario della morte di Dante Alighieri con una proposta per le scuole superiori. L’evento si svolgerà a partire da marzo 2021, comprenderà tre incontri con altrettanti scrittori, il debutto di uno spettacolo e una...

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi