A scuola l’attualità ci interpella quanto il passato

Mentre i programmi scolastici incalzano studenti e docenti, le notizie di cronaca ci investono e a volte sembra che ci attraversino come fantasmi: ci fanno paura al presunto impatto ma immediatamente dopo è tutto come prima.
Bisogna correre in classe, non c’è tempo, troppe vacanze e scioperi!

Meno male che c’è il tema di Italiano che, quando non è scelto tra quelli della maturità degli anni precedenti, pone tutti per qualche ora di fronte all’attualità. Gli studenti ce lo dicono spesso: «Perché studiamo autori e fatti del passato?».
La risposta da Prof, sempre pronta all’uso e comunque abbastanza virtuosa, è:
«Li studiamo perché ci aiutano a capire il presente, a non ripetere gli stessi errori, a continuare quanto c’è stato di bene».
Ve ne sono di peggiori come:«Quando sarai più grande lo capirai» o «Tutto ciò ti servirà per l’università» oppure «Così dicono i programmi ministeriali».
Puntando sulla risposta virtuosa, certo non è automatico che, quanto scritto o avvenuto un tempo e persino millenni fa, sia immediatamente collegabile alla quotidianità senza una mediazione ad hoc del docente e, soprattutto, senza che mai si facciano riflessioni su quanto accade giornalmente vicino o lontano da noi.

Dal 2014 all’inizio del 2015 siamo passati con una certa velocità e nonchalance dai temi natalizi al nuovo Presidente della Repubblica, dal “Je suis Charlie” a Sanremo, dalle vittime del Mare Mediterraneo alla bimba morta in ambulanza perché non c’era posto negli ospedali della sua città, dal timore per l’Ebola alle file ai botteghini per “Cinquanta sfumature di grigio”, dagli imbrogli romani delle cooperative sociali all’Isola dei Famosi, dal Giorno della Memoria al ricordo delle Foibe che nessuno ricorda.

Domani, però, è già un altro giorno e i programmi scolastici incalzano ancor più! Il passato vive nelle scuole stabilmente, il futuro è un’incognita per il lavoro e affidato alle crocette per l’università, il presente è per lo più distratto dal passato e dal futuro.

Non mancano “per fortuna” le isole felici, le scuole o le classi che scelgono di creare ponti tra ieri e oggi con maestria e naturalezza, però fa pensare il fatto che ciò avvenga “per fortuna” e non per costituzione, perché necessario, utile, significativo. Qualcuno dirà che ci sono i progetti, per questo e per quello, progetti per tutto e per quasi tutti, come se la scuola in partenza e normalmente non debba essere pensata, progettata e progettuale. Qualcun altro, invece, penserà che qui si vogliano abolire le discipline per dare spazio alle news, magari sostituendo il libro con il quotidiano.

No, sentiamo forte il bisogno di una passato studiato e capito criticamente; riconosciamo la ricchezza di chi ci ha preceduto e ha fondato le discipline; allo stesso tempo è necessaria nella scuola una lettura costante e attenta dell’oggi, non rimandata a domani a causa dell’abbondanza dei programmi, del compito in classe, della ricreazione o del suono della campana, non relegata alle disertate assemblee di istituto.

Perché questo bisogno e perché la scuola non può esimersi dall’affrontarlo?

La risposta, con leggerezza e saggezza, ce la facciamo dire da Charlie Brown:
«Quando pensi di avere tutte le risposte, la vita ti cambia tutte le domande»!

 

Marco Pappalardo

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi