Tra distruzioni e distrazioni… c’è bisogno di “vedette”

Ci hanno colpito le immagini della distruzione dei reperti archeologici del museo di Mosul da parte dell’Isis, sia degli originali che delle copie.
Ci hanno colpito pure quelle dei danni alla città di Roma e, in particolare, alla fontana della “Barcaccia” fatti dai tifosi di una squadra olandese.
Ci hanno colpito perché frutto della banalità, dell’ignoranza, della follia che non hanno nazionalità, religione, colore, razza, provenienza. Giungono dall’oriente e dall’occidente, dal sud e dal nord, con la sola intenzione di ferire città, civiltà, storia, tradizione.

Non si tratta dell’usura del tempo, di catastrofi naturali, di incidenti, ma di persone che scelgono di agire così e sono pericolosi quanto questi fenomeni, forse ancor più perché – per quanto distorti – dietro ci sono un pensiero e una scelta.
Consapevoli o inconsapevoli, ubriachi o manipolati, essi hanno rovinato ciò che il genio di altri nel tempo ha pensato e creato, ciò che è stato preservato dal tempo.
Dunque non è stata tanto un’azione contro delle “cose”, degli oggetti, dei monumenti, bensì un gesto contro l’umanità!

Come non indignarsi?
Come non far girare queste immagini e condividerle sui social network fino a farle diventare virali?

Sì, però, appena il tempo di qualche ora, poiché arriva puntuale la distrazione fatale de “di che colore è questo vestito?”, così come gli ultimi commenti “alle sfumature di grigio”.

Qualcuno dirà che ci vuole un po’ di leggerezza in mezzo a tanta rovina e pesantezza, ma c’è un tempo per la distrazione ed uno per stare dentro fino al collo nella realtà!
Pochi giorni fa mi trovavo all’università per organizzare le lezioni di un laboratorio giornalistico che curo ogni anno; sono stato fermato quattro volte da studenti e studentesse con il cellulare in mano che mi hanno fatto guardare la foto di un vestito e chiesto di che colore fosse. Con molta calma – sapevo bene cosa fosse questo “gioco” – ho risposto che in questo contesto avremmo potuto parlare di altro, magari di letteratura, arte, filosofia, storia; mi hanno guardato come fossi un extraterrestre e hanno posto il quesito ad altri!

Fortunatamente, prima di andar via, incontro un studente dell’anno scorso; mi ferma, non ha il telefono in mano, bensì un libro di filologia in tedesco: è contento e mi racconta che studia al momento in Germania e spera di poter restare lì ancora per alcuni mesi, poiché sta imparando molte cose.

A scuola, invece, nei momenti di pausa la domanda è stata “Prof, ha visto il film “Cinquanta sfumature di grigio”?”…e poi ragazze e ragazzi hanno raccontato che al cinema c’erano mamme e figlie, nonni e nipoti, persino bambine. Però, con spirito critico, dicono pure che non lo andrebbero a rivedere, che non gli è piaciuto, che hanno provato vergogna a vedere molte scene, che l’amore è un’altra cosa.

Comincia un nuovo mese: chissà quante e quali distruzioni e distrazioni ci investiranno!
Abbiamo bisogno di “guardiani” e di “vedette”, di scuole e università che li formino nella libertà, che gli facciano vedere – come nell’apologo famoso – “che il re è nudo”!

 

Marco Pappalardo

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi