Cenerentola

da | 21 Apr 2015 | Film

Titolo Originale: Cinderella
Regia: Kenneth Branagh
Cast: Cate Blanchett, Lily James, Richard Madden
Casa di Produzione: Walt Disney Pictures
Target: Per Tutti

 

“Sii gentile e abbi coraggio”

Questa la frase tormentone e il nucleo riassuntivo della Cenerentola di Branagh. Quella di Cenerentola è una storia senza tempo, che ancora riesce sempre a emozionare come se fosse la prima volta, e come se il finale potesse cambiare.

Poche le differenze rispetto al celeberrimo film d’animazione, i luoghi comuni sono gli stessi, e i personaggi hanno lo stesso spessore – troviamo anche alcuni omaggi come qualche riga di Canta, Usignol intonata da Ella, o la formula magica Bibbidi-bobbidi-bu pronunciata dalla Fata Madrina, fino alle canzoni (I Sogni Son Desideri e Bibbidi-bobbidi-bu, appunto, cantate dalle due attrici durante i titoli di coda).

Dal punto di vista tecnico, saltano subito agli occhi i costumi… sfavillante il costume del ballo della protagonista, assolutamente magnifico, attrae su di sé tutti gli sguardi. Momento di silenzio e ammirazione per la scarpetta di cristallo.

E cosa dire dell’armadio pressoché infinto della matrigna? Toni sempre tendenti al verde, sapientemente alternati all’oro o al nero; i colori e i disegni ben si sposano con la classe, la finzione, le menzogne e il carattere imperioso del personaggio, sono costumi “parlanti”.

Idem dicasi per la Fata Madrina: un vestito a dir poco rilucente – in senso fisico –. L’interprete stessa ha dichiarato che c’erano fisicamente delle luci inserite nell’immenso abito e che veniva “accesa” prima di girare.

Due parole anche sulla recitazione: bene Richard Madden, finalmente un principe degno di tale nome, bene anche Lily James, devo dire che onestamente mi sarei aspettato anche di peggio. Solita lode – inevitabile e quasi scontata – alla sempre regale e qui particolarmente glaciale Cate Blanchett, due volte premio Oscar sempre in ottima forma; grandissimo elogio alla sua mimica facciale e ai suoi occhi di pietra. Un applauso anche per Helena Bonham Carter, perfetta nel giocoso e iconico ruolo della Fata Madrina; come sempre, la Carter riesce a far suo ogni tipo di personaggio e a metterci del proprio nella resa interpretativa, e questo si vede. I personaggi che lei interpreta hanno sempre quel “qualcosa” che li rendono unici e che assolutamente non verrebbe fuori se non fossero interpretati da lei.

Sii gentile e abbi coraggio.
Il monito della mamma morente di Ella la accompagna per tutta la vita e diventa il “tormentone” del film, nonché la morale che noi pubblico portiamo nelle nostre case e – forse – in parte nella nostra vita. Ella e la sua matrigna non sono poi così diverse in fondo, così come la matrigna non è così diversa dalla Fata Madrina: la matrigna semplicemente non è gentile, perché non ha il coraggio di esserlo, non essendosi sentita amata nella vita dopo la morte del suo primo marito. Ella non si è mai persa d’animo, ha avuto il coraggio di essere se stessa e di essere sempre gentile, anche con chi non lo meritava, e ha avuto addirittura il coraggio e la forza di perdonare chi l’ha usata con soprusi per moltissimo tempo.

E dove c’è gentilezza, c’è bellezza. E dove c’è bellezza, c’è magia.

Ed ecco che il passaggio alla Fata Madrina è presto fatto: una donna gentile che trasforma, come per magia, una zucca in carrozza, qualcosa di normale in qualcosa di bello, in qualcosa di magico.

“Anche un po’ di latte non è “niente”, – come ci ricorda saggiamente la Fata Madrina – ma se dato con un po’ di gentilezza, può essere tutto”.

 

Matteo Pirovano

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi