Da docente “non voglio morire ad Itaca”!

Finito l’anno scolastico, è tempo di “arrivederci” e di qualche “addio”.

Ci si saluta più o meno calorosamente in vista della ripresa a settembre o di qualche evento estivo per ritrovarsi, ma ci sono anche gli studenti che passano alla scuola secondaria di primo grado o di secondo grado, quelli che concludono con gli Esami di Stato, alcuni che si trasferiscono altrove nel corso degli anni per diversi motivi.

Alcuni saluti sono più intensi e coinvolgenti di altri, e ciò capita pure nel mondo dei docenti. Chi va in pensione, chi ha ottenuto il trasferimento, chi è entrato di ruolo, chi non sa quale sarà la propria destinazione per l’anno successivo, chi ha accolto una sfida nuova quasi negli ultimi anni della propria carriera.

La scelta di un docente che, come Ulisse, ha deciso di seguire una chiamata.

«Lascio quella che per anni è stata la mia casa, il territorio conosciuto e ringrazio tutte le persone che ho incontrato, tutti mi hanno dato qualcosa. Certo ci sono state difficoltà nei rapporti, incomprensioni, divergenze che a volte sono divenuti scontri, ma questo perché ci ritroviamo accomunati da una medesima preoccupazione, quella che riguarda la crescita dei nostri ragazzi, ognuno con la visione della vita che ha maturato negli anni e col temperamento che si ritrova. La cosa più bella che mi sono ritrovata a fare con tanti di voi è stata l’accompagnare i ragazzi a diventare persone vere e mature, consapevoli di sé e della realtà».

Con queste parole una collega ha salutato il Collegio Docenti del liceo in cui ha insegnato per più di trent’anni, non per il pensionamento bensì per aver scelto di dedicare gli ultimi anni di insegnamento ad un contesto scolastico nuovo per lei come quello degli istituti tecnici.

Ha lasciato un luogo familiare e stabile per una realtà nuova in cui scommettersi, superando pure quanti le consigliavano di starsene tranquilla ed in pace in un posto tanto desiderato da molti: «Ho percepito in questo un segno, un’occasione, una chiamata a riscoprire il mio lavoro e il mio compito. Da 32 anni sono in questo liceo, questa scuola mi ha dato tanto, sento il privilegio di aver fatto parte di questa comunità scolastica. Ma a dire il vero, a fine carriera, mi ritrovo a conoscere solo un tipo di scuola, ho avuto a che fare con i caratteri tipici del liceo e dell’utenza che lo frequenta. Nel dire di sì alla novità, mi è venuto in mente l’Ulisse dantesco, una figura che amo, l’eroe che tornato dalla guerra, vuole ripartire per scoprire l’ignoto e andare oltre le colonne d’Ercole. Non vuole restare a Itaca. Cari colleghi e amici, anch’io non voglio morire a Itaca».

Che sarà mai cambiare, si potrebbe pensare? Chi opera nel mondo della scuola, invece, conosce quante incertezze ci sono.
Quanti possono e hanno raggiunto una certa stabilità, non si muoverebbero per nessun motivo, dunque c’è di più in questa storia:
«So quello che lascio, ma non so quello che trovo. Le persone a me vicine con cui ho parlato, hanno visto in questa considerazione la mia urgenza di cambiamento».

«Prima di uscire dalla scuola, voglio accettare questa sfida, provare a vivere il mio lavoro dentro un ambiente nuovo». Si lascia, si cambia, si parte, si va, ma ogni docente sa quanto scrive a conclusione del saluto al Collegio la collega: «Lavoreremo per lo stesso scopo, anche se in luoghi diversi: cari colleghi, sebbene maltrattati e mal ridotti, nessuno ci potrà togliere la possibilità di offrire ai ragazzi la comunicazione di noi stessi, di un rapporto vivo con la realtà, avendo in loro come alleato il desiderio di bene che cova in ciascuno uomo e affiancarli così nel cammino arduo verso la piena realizzazione della vita».

Marco Pappalardo

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi