La scuola è buona

In questi giorni si rimetterà in movimento la scuola. Non la “Buona scuola” promossa dal Governo, ma la scuola e basta, poiché può e deve essere soltanto buona!

La scuola è tale:

È tale anche quando è piena di problemi, poiché studenti e docenti si impegnano con fatica per affrontarli. È tale al Sud, al Centro e al Nord, perché mentre c’è chi fa teoria e proclami di tipo campanilistico, studenti e docenti condividono ed imparano come superare con la cultura le divisioni.

È tale tutte le volte che la politica taglia i fondi o li riduce, infatti – pur con minimi mezzi – studenti e docenti continuano a formarsi nella reciprocità umana e del sapere.

È tale pure quando qualcuno fa i confronti con la famigerata “media europea”, eppure i nostri studenti e docenti non hanno proprio paura di confrontarsi con i colleghi dell’unione. È tale sebbene le statistiche e le prove Invalsi dicano il contrario, consapevoli – studenti e docenti – che studiare non è un fatto di cronometro e crocette bensì è apertura alla realtà, sviluppo del senso critico, spazio alla creatività.

È tale nonostante la politica partitica e i governanti miopi s’inventino riforme e controriforme sgangherate per fare a gara a chi è stato più bravo, poiché studenti e docenti sanno bene che la scuola è una cosa seria e non un teatrino mediatico.

La scuola è buona:

La scuola è buona perché i docenti, dal Nord al Sud, in aula e fuori dall’aula, si mettono in gioco per il bene dei ragazzi malgrado l’essere stati obbligati in parte ad andare lontano dalle famiglie; e daranno il massimo, certi che il miglior esempio da offrire ai propri cari distanti è fare il proprio dovere alla grande seppur soffrendo.

La scuola è buona nonostante i sorrisetti e le battute fuori luogo di tanti politicanti e governanti dinanzi questo esodo forzato e sottopagato, e lo è grazie ad una classe docente coraggiosa e capace, onesta e preparata.

La scuola è buona non certo per alcuni sindacalisti che cercano le tessere, ma non hanno mai cercato in tanti anni di tessere veramente soluzioni concrete dinanzi alle varie problematiche, e la prova è proprio l’attuale situazione.

La scuola è buona se il Preside o il Dirigente Scolastico interpreterà l’incarico non come un potere, bensì come un servizio privilegiato per la società; tutte le volte che lascerà la poltrona per incontrare studenti e docenti nelle aule, nei corridoi, nei cortili, in palestra, negli atri, fuori dal cancello, non per redarguirli o intimorirli, ma per conoscerli ad un ad uno, sostenerli ed incoraggiarli.

La scuola è buona non tanto per il numero di progetti PON, POR, TRIC e TRAC, spesso specchietti per le allodole e tesori da spartirsi tra pochi noti, ma soprattutto per la capacità di progettare percorsi significativi per le classi e per i singoli in modo condiviso tra studenti, docenti e famiglie.

La scuola è buona se ha delle strutture adeguate, all’avanguardia, sicure, però a che varranno senza educatori adeguati, disponibili, affidabili, formati? La scuola è buona quando le famiglie torneranno ad entrare nelle aule dei figli non solo per ritirare una pagella, bensì per stare accanto ai figli con equilibrio e nel rispetto dei ruoli, riconoscendo negli insegnanti una risorsa e non un ostacolo.

La scuola è buona non perché ci sono o ci saranno più ore di questa o di quella disciplina, ma solo se ci sono e ci saranno studenti e docenti che a queste ore e discipline daranno vita e ne attingeranno per la vita con impegno, studio, passione, fantasia.

La scuola è buona nel momento in cui la questione relazionale ed educativa verrà posta al centro di ogni dibattito, riflessione, progetto, riforma, statistica, programmazione.

Sereno inizio!

Marco Pappalardo

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi