Minuti di silenzio che diventano anni

I minuti di silenzio che diventano anni di silenzio

Trovare le parole giuste dinanzi a situazioni dolorose come le stragi di Parigi è davvero difficile dentro un’aula di scuola, anzi è proprio arduo già trovare le sole parole!

Queste situazioni, soprattutto ad una distanza che viene considerata minima rispetto a noi, sono di quelle che toccano da vicino più di altre, allo stesso modo tragiche ma che, inevitabilmente o tristemente per abitudine, restano lontane.

Un giorno prima, così ha voluto il caso, avevo parlato ad un gruppo di studenti di quanto mi accadde alla loro età quando frequentavo il liceo: fuori dalla scuola uccisero in una sparatoria un uomo e noi sentimmo perfettamente gli spari nonostante fossimo alla ricreazione; tornati in aula per la quarta ora, il professore di Filosofia – come se nulla fosse – spiegò ed interrogò davanti ai nostri volti straniti, mentre la quinta ora il professore di Latino e Greco trovò – lui sì! – le parole giuste per quel gruppo di adolescenti che non avevano mai visto dal vivo un uomo assassinato a pochi metri da loro. Ci disse di chiudere i libri e i quaderni, che eravamo liberi di fare silenzio, di parlare di cosa provassimo, di farci una passeggiata nel corridoio per qualche minuto, di ascoltarlo, di piangere se qualcuno ne avesse avuta voglia.
Fu quella volta che capii cosa c’entrasse veramente lo studio con la vita e su che tipo di docente avrei voluto essere da grande!

Chi me lo doveva dire allora che, ancora una volta e proprio il giorno dopo questo racconto, entrando in classe da professore, avrei rivisto il mio volto e quello dei miei compagni di un tempo nei volti – anche impauriti – dei miei alunni?

Così, non ho cercato le parole giuste con loro, ma ho scelto di ascoltarli al di là delle posizioni di ciascuno, delle questioni ripetute, delle analisi fatte sulla base dei post sui social.

C’è un tempo per le emozioni forti e questo va vissuto in pieno, poi pian piano arriva quello della riflessione, della mediazione, dello studio critico. Voglio puntare su quest’ultimo, poiché fra pochi giorni, spenti i riflettori e accese le luci natalizie, non si parlerà quasi più di quanto accaduto e la sofferenza sarà solo un fatto privato di coloro che hanno subito perdite e sono stati colpiti direttamente.

Il mondo – compreso quello del web – è facile alla solidarietà immediata, al gioco del “siamo tutti questo e quello”, così come è facile a dimenticare.

La scuola può essere invece il luogo in cui fare memoria, non nel senso della commemorazione, bensì del far diventare quel fatto passato – attraverso l’approfondimento – un presente necessario e vivo per la crescita dello studente e di noi adulti.

Non credo molto nei “minuti di silenzio”, mi sanno molto da stadio in cui, a volte, un minuto dopo le tifoserie si danno addosso e le squadre pure; non ci credo poiché si trasformano immediatamente in ore, giorni, mesi di silenzio, salvo poi riemergere ad un anno distanza o quando avvengono fatti simili.

Ho fiducia, però, nei giovani e nella loro capacità di impegnarsi per il bene, la pace, il dialogo, l’integrazione, la dignità, il volontariato, per tutti i valori, non tanto in occasione di una giornata speciale, ma nella quotidianità e alla luce di un tempo di formazione, poiché è così che si diventa veramente grandi, si abbattono i muri costruiti dall’odio e dall’indifferenza, si costruiscono ponti di civiltà e convivenza serena; in questo modo si cresce responsabili per sé e per il mondo, guardiani di una società da rifondare in cui al centro stia la persona, in cui i morti siano uguali ad ogni latitudine, in cui per mettere pace non si lancino le bombe.

Marco Pappalardo

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi