Abbiamo riempito le nostre brocche

Una ventina di ex allieve si sono regalate un giorno di contemplazione della Parola, del proprio essere profondo di donne/madri, della bellezza del creato per riempire il proprio cuore di misericordia/tenerezza.

Una domenica mattina un gruppo di donne di età diverse si sono date appuntamento per condividere un’esperienza di “meditazione” accogliendo con interesse e curiosità la proposta di sr Ortensia, delegata ex allieve di Melzo. Mariti e figli a casa ancora assopiti nei letti e noi donne felici di dedicarci una giornata per stare insieme e per riflettere.

Giunte ad Albino siamo subito state piacevolmente accolte da Padre Gianni Nicoli, un uomo molto determinato e gentile presso il seminario dei Padri Dehoniani. Intorno a noi un giardino rigoglioso nella sua veste migliore d’autunno. Il silenzio, la natura e l’aria fresca delle montagne alle nostre spalle hanno fatto da cornice al nostro “viaggio”. Padre Nicoli ha introdotto le sue riflessioni con la lettura del Vangelo di Matteo Capitolo V 43,48.
“Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico:amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siete figli del Padre vostro celeste…”
Egli ha quindi sottolineato come tutti gli esseri umani siano fratelli e sorelle e tutti figli dello stesso Padre. L’invito di Gesù è nell’amore verso chi già amiamo e verso chi ci è nemico. Un tema che spesso si fa fatica ad accettare e a far proprio nelle nostre esistenze anche perché richiede dei gesti e dei pensieri che sembrano così’ “faticosi” nella quotidianità. Padre Nicoli quindi ha introdotto la parabola della zizzania e si è soffermato sul tema del Male, dell’odio e della cattiveria che spesso pongono il fedele di fronte alla scelta del bene e della verità. Una decisione quotidiana e continua.

Quanto ci lasciamo abbracciare da Dio?

Ognuno di noi porta dentro di se’ un’immagine di Dio che muta con le fasi della vita e con gli incontri lungo il percorso. La fede ha le sue età: quando eravamo bambini ci sentivamo bravi o cattivi allo sguardo di Dio ma da adulti la Sua voce diventa guida ed entra come un soffio dentro di noi e , se vi trova uno “spazio vuoto” di accoglienza, ci conduce alla fede e alla nostra libertà. La domanda che ci possiamo porre noi adulti quindi è: “Quanto ci lasciamo abbracciare da Dio?”

Lo spazio vuoto in cui accogliere Dio è come l’utero di Maria che è stato fecondato dalla Parola di Dio attraverso l’ascolto. Padre Nicoli ha presentato l’amore di Dio come del buon vino nella nostra cantina. Se andiamo da soli a bere una bottiglia ci ubriachiamo ma se andiamo in compagnia la gioia sarà maggiore ed intensa.

Il seminario e la generosità delle riflessioni che Padre Nicoli ha condiviso con i partecipanti sono stati come una cantina ben fornita di ottimo vino e alla fine dell’incontro ci siamo tutte sentite un po’”inebriate”. Molte emozioni, molti pensieri e ricordi ci animavano e in cerchio abbiamo condiviso la nostra gioia di vivere questa esperienza insieme. Nel pomeriggio, dopo un pranzo conviviale e comunitario, in cui abbiamo potuto condividere le nostre esperienze con tutti i partecipanti, abbiamo approfittato della bella giornata autunnale per goderci il sole pallido e tiepido in giardino. La messa con i canti, i riti e le preghiere ha suggellato una giornata ricca di doni. Ci siamo sentite come donne alla fonte come si narra nel passo della Genesi: “…Quando ecco uscire con la sua brocca sulla spalla Rebecca,… La Fanciulla era molto bella d’aspetto, vergine, e nessun uomo l’aveva mai conosciuta. Ella scese alla fonte, riempì la sua brocca, e risalì. Allora il servo le corse incontro e le disse: “Deh, lasciami bere un po’ d’acqua dalla tua brocca”. Ella rispose: “Bevi, signor mio”; poi si affrettò a calare la brocca sulla mano, e gli diede da bere.”

La sera, come Rebecca, di rientro nelle nostre case, abbiamo portato le nostre brocche piene d’acqua! Acqua fresca in abbondanza!

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi