Perdonare le offese

da | 19 Gen 2016 | Proposte

Nel sistema preventivo il perdono svolge un ruolo centrale e fondamentale. “Perdonare” dice Giovanni Bosco “vuol dire dimenticare per sempre”.

“Al giovane segretario Gioachino Berto, che si mostrava timido e apprensivo nel suo lavoro, Don Bosco un giorno disse:
«Guarda, tu hai troppo timore di Don Bosco: credi che io sia rigoroso e tanto esigente, e perciò sembra che abbia timore di me. Non osi parlarmi liberamente. Sei sempre in ansietà di non potermi accontentare. Deponi pure ogni timore. Tu sai che Don Bosco ti vuol bene: perciò, se ne fai delle piccole non ci bada, e se ne fai delle grosse te le perdona»”.

Tratto da http://www.preghiereperlafamiglia.it/OF/obiettivo-famiglia-2013-02.htm

Ma la difficoltà, a volte, sta nel saper perdonare noi stessi, riconoscendo i nostri errori e le nostre prigioni. Il perdono è la chiave per liberarci.

Don Bosco educa i suoi ragazzi al perdono, perché una famiglia si basa su rapporti capaci di superare le avversità e le incomprensioni.
La vera sfida è quella di trovare in ogni situazione un punto accessibile al bene cosicché si aprano le porte a un percorso di accoglienza, rivalorizzazione e riscatto.

 

Per i più piccoli…

Un semplice libretto per raccontare storie di perdono.

 

Per i pre-adolescenti…

  • Troverete storie interessanti in questo articolo.

Chiedete loro: c’è un limite al perdono?

http://www.donboscoland.it/articoli/articolo.php?id=126076

 

Per gli adolescenti…

  • Una riflessione sul concetto di VENDETTA e PERDONO…

http://www.donboscoland.it/articoli/articolo.php?id=4591

 

Per i giovani…

  • Consigliamo di approfondire le caso del carcere di Ferrante Aporti di Torino. Dopo una violenta protesta del 1977, due uomini, Paolo Vercellone e il criminologo Duccio Scatolero, si impegnano a proporre un’alternativa alle metodologie adottate all’interno del carcere minorile. Il primo obiettivo è stato migliorare la qualità della vita, agendo sul tessuto relazionale nel quale i giovani crescono.
    Il secondo obiettivo è consistito nel proporre delle attività (meccanica, cucina, fotografia, falegnameria, ecc.) che permettessero di prepararsi all’uscita di prigione.
  •  Il libro “AMARE anima & corpo. Opere di misericordia qui e oggi” di Bortolo Uberti e Rosanna Virgili, da pp. 99-108 ci suggerisce un altro spunto di riflessione…

Non è facile perdonare le offese ricevute, anche quando si trattasse di piccoli errori” “Un’immagine estrema che viene in mente -come una sorta di caricatura negativa- è quella del Padrino (Marlon Brando) che nel famoso film di Francis Ford Coppola si ritiene già offeso del fatto che qualcuno gli chieda un favore, ma: <<Non lo domandi con rispetto!>>. Quanto basta per uccidere un uomo!”

https://www.youtube.com/watch?v=251bztei6TQ

“Davvero l’offesa provocata o avvertita è qualcosa di estremamente spiacevole che mostra quanto fragili possano essere le nostre menti e i nostri equilibri psicologici, affettivi e spirituali. […] Quanto più il legame è forte, tanto più l’offesa brucia … e tanto più difficile è perdonare!”

 “Perdonare non è un atto di debolezza, ma di forza.[…] Gesù non rivanga il passato, ma si proietta verso il futuro!”

 

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Etica digitale

di Giada Aquilino   Parole scelte con cura, considerando sempre che hanno conseguenze e senza dimenticare che i social media sono luoghi virtuali, ma che le persone che vi si incontrano sono reali. Alla luce di tale riflessione Cube Radio, l’emittente accademica...

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi