E se ognuno fa qualcosa?

Scrivo da tempo che la scuola non è un luogo asettico e fuori dal mondo, bensì un ambiente educativo dove la vita entra prepotentemente con le gioie e i dolori, con le sconfitte e le vittorie.

Da pochi giorni siamo ritornati da una bella visita di istruzione in Puglia, fatta viaggiando in pullman, e subito ci hanno colpito le immagini dell’incidente spagnolo in cui sono morte giovani vite su un bus. Passeremo alcuni giorni di vacanza per la Pasqua, ipotizzando pure un viaggetto, e ci assalgono le immagini e le notizie dolorose degli attentati in Belgio. Così, durante la ricreazione di qualche giorno fa, si rincorrono le voci tra studenti e docenti su quanto accaduto a Bruxelles; poi si rientra in aula, ma come fare a meno di fermarsi un po’ ad ascoltare i ragazzi su quanto accaduto? Andrea chiede: «Che cosa possiamo fare noi dinanzi a tanta violenza?».

Subito Clara risponde: «Bisogna rimandarli tutti nei loro Paesi e così non ci saranno più rischi!». E Cinzia si inserisce: «Ma siamo proprio sicuri che i problemi non nascano proprio nei Paesi di provenienza che si trovano in situazioni di povertà, guerra e fame?». «Ma che dici» riprende Clara «anche qui abbiamo problemi, mica possiamo caricarci delle responsabilità degli altri». E ancora Cinzia: «Infatti, è proprio un problema di responsabilità, di come tanti Paesi – per lo più occidentali – hanno affamato intere popolazioni, destabilizzato i governi per interessi economici, favorito colpi di stato per gestirne gli interessi, iniziato guerre per “portare una democrazia” mai arrivata».

Eppure Andrea non è soddisfatto di queste risposte alla sua domanda, poiché gli sembrano quelle dei talk show con politici e specialisti; per lui la questione è più precisa:

“che cosa noi, qui, possiamo fare, in che modo la scuola può essere utile e ciascuno mettersi in gioco”.

Mi vengono in mente le parole di Don Pino Puglisi, non un capo di stato bensì un povero prete che a costo della propria vita ha iniziato a cambiare il suo piccolo mondo palermitano ed oltre:

“E se ognuno fa qualcosa, allora si può fare molto”.

Le condivido con gli studenti non come uno slogan, ma come un invito a sbracciarsi le maniche perché non ci sono politici, diplomatici, membri delle forze dell’ordine, magistrati, medici, scienziati, generali, re, economisti, banchieri, imprenditori, ecc. che non siano passati dai banchi di scuola o da qualcosa di simile. In visita di istruzione abbiamo fatto tappa a Brindisi dove c’è stato un pomeriggio dedicato al sociale, incontrando i volontari di un oratorio salesiano che, dinanzi alla questione dei migranti, hanno scelto la strada dell’accoglienza e dell’educazione coinvolgendo il territorio; con loro abbiamo partecipato alla scuola di italiano, preparato i sacchetti con i pasti e donato ai bisognosi intorno alla stazione.

Dunque, ognuno ha fatto qualcosa e quel pomeriggio è stato speciale per tanti; non se ne parlerà nei libri di Storia eppure le conseguenze di queste piccole azioni di bene possono arrivare molto lontano nel tempo e nello spazio come “il minimo battito d’ali di una farfalla è in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo”.

Possiamo crederci o no, impegnarci o meno: nel primo caso vivremo con speranza, nel secondo da disperati!

E la Pasqua non è forse il periodo giusto per fare delle tante croci quotidiane dei ponti sicuri verso un mondo migliore a partire da se stessi e da chi ci è vicino?
È questione di tempo, tre giorni e poi si risorge: coraggio e auguri!

Marco Pappalardo

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi