Gli eroi ordinari di Capaci

Di cosa abbiamo parlato a scuola nei giorni scorsi ricordando la “Strage di Capaci”?

Che cosa abbiamo potuto dire dopo la delusione venuta fuori a causa di un certo tipo di antimafia, per lo più gridata, di facciata e per secondi fini?

La prima questione, dopo tanti anni, si è tentata di cambiarla già nei termini perché la protagonista non fosse più la “strage” che mette in luce l’azione della mafia; in realtà i veri protagonisti sono stati coloro che hanno dato la vita (già prima e non solo in virtù della tragedia) per la giustizia e per la lotta alla criminalità organizzata, dunque dovremmo farne memoria come giorno “Degli eroi di Capaci”.

Le parole, però, possono cambiare solamente quando cambia la mentalità, il senso critico è chiamato in causa, l’educazione diventa strumento di libertà, la comunicazione occasione per difendere la verità.

È ora che “romanzi criminali”, “piovre”, “gomorre” lascino il posto ad una lettura dei fenomeni mafiosi fatta dal punto di vista di chi la combatte nel silenzio e con coraggio, con abnegazione e lontano dai riflettori. Ciò non vuol dire negare il male, i cattivi, la mafia, mettendo la testa sotto la sabbia, bensì affermare che – proprio perché questi esistono e sono pericolosi – ci sono pure tanti uomini e donne di grande valore che li affrontano e li vincono quotidianamente. Per farlo soffrono, vengono isolati, rischiano, muoiono, ma proprio per questo fanno paura! Fanno paura ai benpensanti e ai “professionisti dell’antimafia” perché mostrano con la vita e con la morte le loro ipocrisie; intimoriscono la mafia poiché essa sa bene di non essere invincibile, diversamente non avrebbe motivo di uccidere.

Uccide perché ha paura, come nel caso dell’assassinio di Padre Pino Puglisi: la mafia ha talmente tremato in quegli anni ed in quella zona di Palermo a causa di un povero prete, non solo da prenderlo vigliaccamente alle spalle e sparargli, ma anche tentando di far passare la cosa come una rapina. Questo è stato detto e va raccontato agli studenti di oggi e di domani, perché quegli “eroi” (che eroi non volevano essere) diventino modelli! E così – grazie a loro – si è potuto rispondere pure alla seconda questione, quella dell’antimafia di convenienza: Falcone, Borsellino, Impastato, Livatino, Puglisi e tanti altri, defunti e vivi, testimoniano in modo chiaro che non c’è alcun motivo di sventolare ai quattro venti la bandiera dell’antimafia, che tutti dovremmo essere contro la mafia e ogni atteggiamento mafioso, facendo il nostro dovere laddove ci troviamo, ciascuno secondo le proprie responsabilità.

Naturalmente le responsabilità sono diverse a seconda dell’età, del contesto, del ruolo, del lavoro, e viverle con onestà, passione, spirito di servizio, sacrificio, trasparenza, coerenza, costanza, speranza, competenza è ciò che rende “eroi”. Sugli striscioni dei cortei, per essere veri e concreti, non basta più scrivere “La mafia è una montagna di merda”, ma – per esempio – “Io da oggi non fumerò più uno spinello perché l’erba è spacciata dalla mafia e la arricchisce” e pure “Qualora mi rubassero l’auto o il motorino, non cercherei l’amico dell’amico per farmelo dare pagando, bensì denunciando il furto, il mio cosiddetto amico e il suo amico”!

Così le parole, le marce, le commemorazioni diventano lotta comune, sostegno alle istituzioni sul campo, strumento per educare.

 Marco Pappalardo: vinonuovo.it

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi