La scuola comincia quando finisce

Che cosa ha lasciato l’anno scolastico appena conclusosi agli studenti ed ai docenti?

Certo, un buon numero di entrambe le categorie è alle prese con gli esami e lo sarà ancora per un po’, ma gli esami hanno una storia a sé che, pur collegata e alimentata dalla scuola, va avanti in modo autonomo. Dunque, possiamo affermarlo davvero: la scuola è finita! E, se non ce ne fossimo accorti, sono le pagine dei social network a rinfrescarci la memoria con post più o meno espliciti e fantasiosi.

Ho chiesto, alcuni giorni fa, ai miei alunni un bilancio dell’anno trascorso, una sorta di viaggio indietro nel tempo, tra incubi e sogni, fino a settembre 2015. C’è chi pensa che non sia cambiato nulla, chi si sente più cresciuta, chi ha faticato tantissimo con scarsi risultati e chi ha lavorato poco puntando sui colpi di fortuna; c’è chi si è innamorata, fidanzata, lasciata e chi l’ha sempre guardata in aula non dichiarandole il proprio sentimento; ci sono stati “la pupa e il secchione” ma anche “il pupo e la secchiona”, la creativa e l’annoiato, il ricco e il povero, la cocca del prof e la spina nel fianco del Consiglio di Classe; non mancano coloro che non sanno cosa dire e coloro sanno però non vogliono dirlo, coloro che non smettono di parlare e coloro che ogni tanto farebbero meglio a tacere; interviene il poeta del gruppo ed interviene pure il calciatore, chi si sente già all’università e chi non ha idea di ciò che farà l’indomani, chi non ha imparato nulla e chi tanto da non riuscire a dirlo come Dante in Paradiso.

Ogni giorno, segnato inesorabilmente sul registro, ha creato un microcosmo unico nelle diverse classi; ogni giorno è una tacca graffita sul banco dell’ultima fila tra un chewingum e un appunto preso a matita; ogni giorno ha dato e ha tolto tanto, è stato Robin Hood e Lupin allo stesso tempo; ogni giorno c’era chi riteneva di non farcela ma anche chi non ha mai smesso di crederci; ogni giorno pagine e pagine, tra libri e quaderni, autori e teorie, immagini e numeri, teoremi e racconti, verifiche e compiti, matite spezzate e penne consumate.

Di questa memoria abbiamo bisogno tutti, giovani e adulti, perché “perdere tempo a chi più sa più spiace” e, se non teniamo stretto un ricordo e il suo perché, è come se avessimo perso tempo buono. Ci piacciano o meno i ricordi di quest’anno passato, essi vanno conservati con cura, poiché 200 giorni sono un bel pezzo di vita e la vita c’è stata tutta dentro quelle 200 campanelle d’inizio giornata con le gioie e i dolori, le ansie e le paure, le soddisfazioni e le vittorie, la voglia di scappare e quella di resistere, i contenuti e la superficialità, la cultura e la banalità, l’ordine e il disordine, l’amicizia e l’allontanamento, la morte e la speranza.

La scuola è finita? Senza tutto questo sarebbe “finita” nel senso di ciò che è defunto, senza vita, senza possibilità alcuna per il futuro! Allora, è finita, invece, nel suo corso annuale naturale, ma rivive in ciò che siamo stati e siamo, che abbiamo imparato e impariamo, condiviso e condividiamo.

Che cosa ci ha lasciato dunque quest’anno? Ci ha lasciato delle serene vacanze!

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi