L’ordinario che passa inosservato

Le elezioni dei rappresentanti di classe e di Istituto: un primo vero momento di riflessione e azione “politica”

C’è un ordinario nella scuola che a volte passa inosservato, piccoli gesti quotidiani, relazioni, attività di routine che emergono solo se per qualche motivo fanno rumore, diversamente non ci si sofferma più di tanto.

Mi riferisco, per esempio, alle elezioni dei rappresentanti di classe degli studenti, da svolgere ogni anno nello stesso periodo, che sono un primo vero momento di riflessione e azione “politica”, nonché un esercizio di democrazia.

C’è chi si tira indietro, chi non ne vuole sentire parlare, chi vorrebbe candidarsi ma è timido, chi è troppo sfacciato, chi ci tiene davvero per sé e chi vuol farlo per i compagni.

Sembra poco, ma è una responsabilità e da docente mi sento chiamato a valorizzare quanti si mettono in gioco e non certo per mandarli di qua a di là a svolgere “commissioni scolastiche” da fattorini del prof!

Nei rappresentanti vedo degli studenti che hanno a cuore, insieme ai libri e allo studio, anche la vita della classe e della scuola; vedo “alleati” possibili per coinvolgere tutti e particolarmente chi si tiene a distanza nella classe; vedo l’opportunità di rendere visibile e concreta quella cittadinanza attiva, responsabile e alla ricerca del bene comune, di cui tanto di parla e si legge; vedo la necessità di dargli la giusta autonomia nello svolgere questo servizio, lasciando fare ed incoraggiando, facendo un passo indietro e assicurando che ci sono al bisogno.

Più solenni sono, invece, le elezioni dei rappresentanti d’istituto, vissute come una vera e propria campagna elettorale, tra propaganda, comizi, volantini, promesse e speranze.

È un contesto molto interessante e mi piace ascoltare il modo in cui si presentano ai compagni scuola, curando per quel giorno il look, preparandosi il discorso da fare, muovendosi insieme al gruppo di sostegno, esercitando l’oratoria e la retorica. Per qualcuno c’è davvero il sogno di essere un politico vero, per altri solo un assaggio, per altri ancora la ricerca della visibilità e del successo personale, per pochissimi – fortunatamente – il cattivo odore dei peggiori politici.

Ci sono pure le elezioni dei rappresentanti dei genitori, peccato che la partecipazione lasci a desiderare a volte!

L’impressione è che più i figli crescono e passano negli ordini superiori della scuola, meno ci si faccia presenti, come se non ne avessero più bisogno; se da un lato sembra voler dire “ormai sono grandi e possono cavarsela da soli”, dall’altro non ci sono scuse per non accompagnare gli adolescenti nell’età più delicata e critica della propria vita.
La scuola cammina ogni giorno grazie all’intesa di tutti ed è efficace quando ciascuno fa la propria parte, soprattutto nel momento in cui gli adulti della situazione, insieme, crediamo in un ambiente educativo e formativo dove è piacevole passare così tanto tempo; in cui ci si confronta sulle debolezze non come in un tribunale o in un talk show, bensì come in una vera famiglia che sa di non essere perfetta ma tende a migliorarsi per il bene maggiore che sono i figli.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi