E tu l’hai portato l’ombrello?

da | 6 Dic 2016 | La buona parola

“Fede” è credere che l’impossibile accadrà, che tutto è possibile a Dio, che in Gesù si è figli amati, chiamati e mandati per essere segno di speranza nel mondo.
“Fede” è fidarsi di Dio e guardare all’uomo con fiducia e carità, cioè mettersi nella prospettiva del Padre misericordioso.
“Fede” è amare la Chiesa e, in essa, essere battezzati e credenti credibili.

Un modello mirabile da seguire sono i Santi della Carità che furono talmente fedeli da diventare “amici di Dio e degli uomini”; donne e uomini capaci di fare sintesi tra fede e vita, tra gioia e impegno, tra sogno e concretezza, tra umanità e santità. Hanno “volato alto”, hanno vissuto con lo sguardo al cielo, i piedi per terra e le braccia pronte al lavoro, offrendo se stessi nel sacrificio eucaristico quotidiano e nel servizio ai poveri fino all’ultimo respiro.

L’appartenenza alla Chiesa, a Movimenti, ad Associazioni non è un privilegio, piuttosto lo è il farsi prossimo nel nome di Cristo da riconoscere nel povero, in chi è solo, nei piccoli, in chi soffre, in famiglia, sul posto di lavoro o di studio, nella comunità, nel condominio, ai crocicchi delle strade, sotto i portici. Si è chiamati ad indossare un abito interiore innanzitutto, a farsi “buona stoffa”. Ogni celebrazione, ogni riunione, ogni attività comunitaria devono essere lo specchio del quotidiano vissuto nell’adesione a Gesù per “essere sale e luce del mondo” e non per un mero compiacimento personale o per dovere.

La “fede” è essenziale, è questo apologo di Bruno Ferrero ci aiuta a guardare questo “Anno della Fede” con gli occhi limpidi dei bambini:

«I campi erano arsi e screpolati dalla mancanza di pioggia. Le foglie pallide e ingiallite pendevano penosamente dai rami. L’erba era sparita dai prati. La gente era tesa e nervosa, mentre scrutava il cielo di cristallo blu cobalto. Le settimane si succedevano sempre più infuocate. Da mesi non cadeva una vera pioggia. Il parroco del paese organizzò un’ora speciale di preghiera nella piazza davanti alla chiesa per implorare la grazia della pioggia. All’ora stabilita la piazza era gremita di gente ansiosa, ma piena di speranza. Molti avevano portato oggetti che testimoniavano la loro fede. Il parroco guardava ammirato le Bibbie, le croci, i rosari. Ma non riusciva a distogliere gli occhi da una bambina seduta compostamente in prima fila. Sulle ginocchia aveva un ombrello rosso».

Pregare è chiedere la pioggia, credere è portare l’ombrello!

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi