L’omelia coi tortellini

Dell’omelia della messa di Natale ricordo distintamente che il parroco ha citato tre volte i tortellini in brodo fatti in casa, mentre di quella del primo dell’anno mi è rimasto impresso l’augurio, prima della benedizione finale, di vincere al “gratta e vinci”.

Passare le feste natalizie in trasferta ha una serie di vantaggi tra cui quello di partecipare per un po’ alla vita comunitaria di altre parrocchie e realtà ecclesiali, e ascoltare sacerdoti diversi dai soliti.

Penserete che non mi sia andata così bene la trasferta sotto questo aspetto! Invece no, sono stato proprio graziato e avevo necessità di sentirmi dire queste parole.

Avevo bisogno dei tortellini che mi richiamassero alla concretezza di un Dio che si è fatto uomo, riscoprendo un Natale che non è teologia, catechetica, filosofia, archeologia, estetica, etica, un genere letterario, un’ultima ora.

Sentivo il desiderio che quell’evento unico di più di duemila anni fa avesse un sapore e un odore buono, vero, conturbante, evocativo, antico e sempre nuovo, e non quello “di chiuso” e vecchio di certi addobbi e presepi conservati per un anno privi di aria. Per me era importante che ogni pastore prendesse vita e che qualcuno mi aiutasse ad assumerne gli abiti rassicurandomi che, come loro sotto la Stella allora, io non ero fuori posto in chiesa nonostante le mie debolezze, i peccati, i limiti, la diversità.

Quell’annuncio è stato per loro ed è per me; e, ieri come oggi, ha il gusto della festa e, perché no, il profumo di un bel piatto di tortellini preparati per amore e con amore! È l’attimo del Natale o il Natale in un attimo, quello in cui – se ami fortemente – incontri Gesù nella tua vita, ti senti voluto bene, mentre rimani con gli occhi spalancati e le braccia aperte alla maniera di quel pastorello che non può mancare nel presepe. E, se voluto bene, non dormi come quell’altro pastore tipico, non vedi l’ora – come i bambini – che arrivi la luce del giorno per scartare i regali che non sono altro, poi, che frutto di un gesto di amore.

E il “gratta e vinci” fortunato, augurato alla fine della messa per la solennità della Madre di Dio, tutta cantata e solenne?

È stato un coup de theatre per il momento in cui è stato detto, efficacissimo per la serietà con cui il sacerdote l’ha detto, stridente al punto giusto in relazione alle parole della benedizione finale, necessario e stimolante perché il “bene-dire/dire-bene di Dio” restasse impresso:

Iddio, sorgente e principio di ogni benedizione, effonda su voi la sua grazia e vi doni per tutto l’anno vita e salute.
Iddio vi custodisca integri nella fede, pazienti nella speranza, perseveranti nella carità.
Iddio disponga opere e giorni nella sua pace, ascolti ora e sempre le vostre preghiere
e vi conduca alla felicità eterna.

Marco Pappalardo (da www.vinonuovo.it)

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi