Tempo assassino

da | 13 Giu 2017 | Libri

È una bella storia di formazione e di legami figli-genitori.

Ora che ho letto Tempo assassino di Michel Bussi ho capito perché ultimamente si parla tanto di codesto autore e del successo che ha riscosso con Ninfee nere.
Questo professore normanno che insegna geografia all’università di Rouen sa veramente scrivere!

Questo romanzo mi è piaciuto tantissimo: personaggi autoctoni ben caratterizzati,  trama originale come la location dove è ambientato, il nord della Corsica, ma soprattutto una costante adrenalina psicologica che accompagna il lettore nelle oltre 500 pagine del racconto.

A distanza di 27 anni l’unica superstite di un incidente stradale ritorna con la sua famiglia nell’isola francese dove è avvenuto e dove ancora risiedono i potenti legami dell’infanzia. In un continuo flashback temporale Bussi disegna un intreccio di storie che spiazzano completamente il lettore su quello che sarà la conclusione della vicenda. Un mistero che si infittisce pagina dopo pagina, un incidente che non sembra più una casualità che cerca soluzione nei ricordi. Tanti personaggi, ognuno con i propri segreti che graffiano la patina omertosa della verità.

Rispetto, onore e tradizione di un popolo, quello Corso, pescatori di sogni contro il resto del mondo. Ricatti e vendette per una trama davvero ben costruita sullo sfondo di una terra “magica”. Contemplata prima che tutto scompaia.

Perché in fondo non si muore mai veramente, si diventa ciechi e si capisce che è finita molto prima, quando tutte le meraviglie intorno a noi si spengono…

Leggetelo perché è davvero bello.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi