L'”esercito di giovani” del Servizio Civile

da | 19 Set 2017 | Giovani

Si dice che gli ambienti ecclesiali siano senza giovani eppure un “esercito di giovani”, quello del Servizio Civile, in queste settimane finirà i 12 mesi e se ne presenterà sul campo un altro per un anno “che può cambiare la vita”.

Parrocchie, oratori, associazioni, movimenti, scuole cattoliche – oltre le tante realtà civili ed istituzionali – godranno del loro servizio, ragazze e ragazzi sotto i trent’anni, alcuni già provenienti da realtà ecclesiali, altri che vi fanno ritorno per la prima volta – nella migliore delle ipotesi – dopo la Cresima. Naturalmente i numeri variano da ente ad ente richiedente e dunque c’è chi può contare su una sola unità e chi su 15, ma resta pur sempre un’opportunità! Quale?

Messi tutti insieme, oggi giorno, numericamente superano di gran lunga il totale dei giovani che frequentano assiduamente e con impegno le realtà ecclesiali. Significa che quei giovani affidati sono una risorsa per l’ambiente in cui sono chiamati ad operare stabilmente, ma anche destinatari di una pastorale giovanile che potrebbe toccare le alte vette se pensata per loro. Al contrario il rischio, non poco diffuso, è quella di considerare il Servizio Civile una manodopera a buon mercato, pagata dallo Stato, per svolgere quei compiti – a volte non sempre consoni ai progetti originari approvati – che nessun altro vuole o può svolgere; l’altro problema sorge, poi, quando tutto si fonda sul Servizio Civile, vivendo magari alla giornata, affidando ai “servizievoli” (così li ho sentiti chiamare scherzosamente da uno dei responsabili) l’animazione dei gruppi, la catechesi, le attività sportive, il doposcuola, l’apertura e chiusura di un oratorio.
Che c’è di male, qualcuno dirà? In fondo hanno scelto loro, sono retribuiti per questo!
Certo è fondamentale che questi giovani lavorino secondo il progetto e la missione affidatagli, ma è vero che non possono essere le colonne di un ambiente ecclesiale, educativo, formativo, religioso. Infatti, cosa accadrà (ed è accaduto) dove l’anno successivo non avviene (e non è avvenuto) il ricambio, anche solo perché l’ente non avrà (e non ha avuto) approvati i progetti?
Tutto crolla: l’oratorio si apre solo in alcuni giorni ed orari, il doposcuola è chiuso, le attività sportive ridotte, ecc. A che è servito un anno? Forse qualcosa di utile avranno colto i giovani, ma in quel luogo cosa è rimasto? Che fare allora?

Intanto, considerare i giovani del Servizio Civile destinatari di una progettualità pastorale che li aiuti a fare un percorso di crescita e maturazione umana, ecclesiale, spirituale, perché – finito il servizio – qualcuno possa chiedere di continuare il cammino. Poi, far sì che siano lo zoccolo duro su cui far poggiare il cammino di altri giovani, quelli che da sempre frequentano e quelli che possono essere coinvolti, perché alla fine un bel gruppo resti affezionato e porti avanti l’opera con le attività. Inoltre, pur nel pieno rispetto dei tempi e gli orari del servizio, operare in modo tale che né i responsabili né i giovani operino con lo sguardo fisso all’orologio, alle firme di entrata ed uscita, ai permessi; ciò è possibile creando un clima di famiglia e lavorando prima sulla comunità che accoglie, che di solito è preesistente.

Infine, nel tempo in cui si riflette sul Sinodo sui Giovani, questo “esercito” in Servizio Civile non è forse un enorme dono dello Spirito Santo da far crescere? Questi giovani non sono forse un “questionario vivente” per ascoltare le domande vere? Tutti insieme non rendono compiute le parole “tutti, nessuno escluso”?

San Giovanni Paolo Magno

Le familiari conversazioni, da giugno 2019 a gennaio 2020, tra Papa Francesco e il teologo e scrittore don Luigi Maria Epicoco sono diventate un libro: SAN GIOVANNI PAOLO MAGNO. Sulla copertina c’è una bellissima fotografia di Giovanni Paolo II che abbraccia l’allora...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Giovanni 4,5-42 Commento di Suor Graziella Curti   Ascoltando il Vangelo di oggi si direbbe che Giovanni sia anche un po’ un regista cinematografico. Prima di giungere al messaggio centrale...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Marco 9,2-10 Commento di suor Gemma Paganini, FMA     Il Vangelo di questa domenica seconda di Quaresima ci presenta uno di quei passaggi davanti al quale ci sarebbe solo una cosa da fare: entrare con...

Convegno Vides 2021

Un appuntamento formativo prezioso per tutti: il convegno Vides Lombardia di sabato 13 marzo. Metteremo a fuoco il tema della “conversione ecologica” tanto auspicata da Papa Francesco e messa in risalto nell'Enciclica “Laudato si'”. Interverranno relatori...

Nel profondo, immersioni dantesche

UFO e associazione Flangini celebrano il settimo centenario della morte di Dante Alighieri con una proposta per le scuole superiori. L’evento si svolgerà a partire da marzo 2021, comprenderà tre incontri con altrettanti scrittori, il debutto di uno spettacolo e una...

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi