Giovani e Sinodo sequela della Verità

da | 14 Nov 2017 | La buona parola

Fervono i preparativi per il Sinodo 2018: la mission dell’incontro con le realtà periferiche della Chiesa si arricchisce di un nuovo tassello attraverso l’attenzione al mondo dei giovani.

Il tema su cui i padri sinodali mediteranno riguarda la fede e il discernimento vocazionale; in un momento di incertezze su scala globale, il nostro microcosmo è sballottato tra opposte scelte, con il rischio di preferire lo stallo al dinamismo coerente con la propria chiamata.

Il Papa, individuandoci come focus del Sinodo, non ci considera di certo come “cavie” per testare nuove azioni pastorali, quasi fossimo un target pubblicitario.
Al contrario, a partire dal nostro modo di vivere la fede, con le contraddizioni e le crisi, la comunità cristiana è chiamata a interrogarsi sulla propria fedeltà al Vangelo.
L’immagine che la Chiesa ha davanti per caratterizzare la nostra periferia è quella dell’apostolo Giovanni, il discepolo che Gesù amava, colui che diverrà l’evangelista più attento alle sfumature teologiche della Verità.

Proprio Giovanni, il più giovane del collegio apostolico, ha tracciato nel proprio Vangelo la più ampia trattazione della Verità, fino a presentare lo stesso cinico Pilato come colui che chiederà al Cristo: “Cosa è la Verità?”.

Il Papa ha ben compreso che noi giovani non cerchiamo ulteriori luoghi di aggregazione, né diverse vie di svago; aspettiamo la Parola autorevole che vinca il dubbio.

Come Giovanni, anche noi vogliamo sentirci dire “Venite e vedrete”; abbiamo il desiderio – forse non espresso o non chiaro neanche a noi stessi – di entrare in un intimo dialogo col Maestro, di sostare davanti alle nostre croci quotidiane con la stessa fortezza dell’apostolo amato, di ricevere per madre Maria, icona della Chiesa, di riconoscere nel Risorto il senso del nostro cristianesimo.

Ricerchiamo figure di riferimento, che facciano sorgere in noi la passione per la vocazione; sebbene appaia che noi abbiamo perso ogni gusto per la vita e che siamo incapaci di puntare in alto, ciò è il risultato di una generazione che, anagraficamente adulta, ha scelto di non scegliere, preferendo l’istinto emotivo alla responsabilità, costruendo la casa comune sulla sabbia del relativo, invece che sulla roccia della fede.

Questo, però, non può essere una scusa, anzi, è l’impegno che tocca alla nostra generazione: evangelizzare con scelte vere e coerenti.

Non lasciamoci vincere dall’accidia spirituale, che spegne il desiderio di Dio: se la Chiesa dedica un Sinodo a noi, è perché lo Spirito farà sorgere profeti tra di noi, pronti a portare ovunque il Vangelo della Speranza.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi