Rappresentanti di classe

Manifesti, volantini, slogan, campagna elettorale, comizi, certezze, promesse, eletti e non eletti: non parliamo di elezioni comunali, regionali, nazionali, europee, ma di quelle dei rappresentanti di istituto e di classe!

Ormai i giochi sono fatti in tutte le scuole ed è sempre uno spettacolo il modo in cui gli studenti affrontano questo momento di inizio d’anno. Alcuni sono già politici nati, altri ci provano, altri ancora imitano quelli dei partiti (sigh!), tutti alla ricerca dei voti e pure con grande impegno.

C’è chi si tira indietro, chi non ne vuole sentire parlare, chi vorrebbe candidarsi ma è timido, chi è troppo sfacciato, chi ci tiene davvero per sé e chi vuol farlo per i compagni. C’è chi cura particolarmente il look ed il giorno della presentazione si veste come per la festa del diciottesimo; c’è chi punta sul trasandato alternativo con il capello non pettinato, ma con abiti griffati; c’è chi prova ad essere semplicemente se stesso o se stessa puntando tutto sulla capacità di parola. Per qualcuno c’è davvero il sogno di essere un politico vero, per altri solo un assaggio, per altri ancora la ricerca della visibilità e del successo personale, per pochissimi – fortunatamente – il cattivo odore dei peggiori politici.

Per i rappresentanti di classe, specialmente nei primi anni, è tutto un mondo da scoprire e le candidature sono poche e selezionate; crescendo, scoperto il gusto del “potere” o meglio della rappresentanza, i candidati aumentano, senza differenza fra ragazze e ragazzi. Si creano alleanze, si fanno riunioni segrete nei bagni, qualcuno preannunzia persino la colazione per tutti una volta eletto! La frase più ricorrente è: «Io non vi prometto nulla, tuttavia sappiate che potrete sempre contare su di me, giorno e notte!». Più solenni sono, invece, le elezioni dei rappresentanti d’istituto, vissute come una vera e propria campagna elettorale. È un contesto molto interessante e mi piace ascoltare il modo in cui si presentano ai compagni scuola, preparandosi il discorso da fare (Prof., ma secondo lei va bene? Ha qualche suggerimento da darmi, qualche frase ad effetto?), muovendosi insieme al gruppo di sostegno (veri e propri striscioni spesso e applausi interessati), esercitando l’oratoria e la retorica (ormai accompagnate da simpatici video e immagini ad effetto). Il numero maggiore di voti va conquistato tra gli studenti del biennio, quelli che non frequenteresti mai normalmente dal terzo anno in su perché troppo piccoli, per quel periodo diventano i tuoi migliori amici; si punta anche sul classico fascino della ragazza o del ragazzo del triennio, poiché a scuola (in politica funziona meno) più di un voto si ottiene con quest’arte. L’impegno pubblico più ricorrente ed apprezzato è: «Più carta igienica per tutti nei bagni!».

Ora che tutti sono in carica, ormai svolte le prime assemblee, nei rappresentanti vedo degli studenti che hanno a cuore, insieme ai libri e allo studio, anche la vita della classe e della scuola; vedo “alleati” possibili per coinvolgere tutti e particolarmente chi si tiene a distanza; vedo l’opportunità di rendere visibile e concreta quella cittadinanza attiva, responsabile e alla ricerca del bene comune, di cui tanto di parla e si legge; vedo la necessità di dargli la giusta autonomia nello svolgere questo servizio, lasciando fare ed incoraggiando, facendo un passo indietro e assicurando che ci sono al bisogno.

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Etica digitale

di Giada Aquilino   Parole scelte con cura, considerando sempre che hanno conseguenze e senza dimenticare che i social media sono luoghi virtuali, ma che le persone che vi si incontrano sono reali. Alla luce di tale riflessione Cube Radio, l’emittente accademica...

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi