Scioperi e manifestazioni

Quando gli studenti non fanno bene il proprio dovere scolastico, diciamo che la scuola è il loro lavoro e come tale ha ritmi, tempi, impegni da rispettare. Quando, invece, fanno sciopero e non entrano in classe, diciamo loro che non sono dei lavoratori e dunque non hanno diritto di scioperare. Il messaggio “chiaro” da parte degli adulti è che non ci siamo davvero capiti su questo fronte!

E allora? Hanno senso le manifestazioni, i cortei, gli scioperi, le autogestioni e le occupazioni con protagonisti gli studenti?

Ascoltandoli, la risposta viene proprio da loro: per Carlo bisogna avere chiare le motivazioni, studiarle, proporle, condividerle, rifletterci; non si può scioperare perché tra ottobre e dicembre è consuetudine farlo; per Sabrina è necessario coinvolgere tanti, tutti, dai primi agli ultimi anni, ma senza costrizioni, intimidazioni, forzature, poiché dalla libertà di scelta non si può scioperare. Manifestare è un’opportunità ed un diritto da difendere, così come il non volerlo fare; chi manifesta, lo fa per sé ma anche per gli altri. Rosario dice che è meglio scegliere il momento giusto, il tempo opportuno, senza mai abusare di questa “arma”, perché non divenga il rituale di ogni fine settimana o l’occasione per anticipare le vacanze di Natale. Sara afferma che per un lavoratore significa perdere una giornata di paga, per uno studente un giorno di scuola; il primo lotta per avere i mezzi e la dignità del proprio lavoro, il secondo non può banalizzare la lotta optando per una passeggiata con i compagni o dormendo tutta la mattinata.
Per Chiara la violenza non è un dovere e neanche un diritto, anzi li nega entrambi; dopo qualunque corteo, la città dovrebbe essere più bella e i cittadini contenti; raccogliere i vetri infranti di vetrine e auto, contare i feriti, ripulire i palazzi dai graffiti, ritrovarsi i cassonetti dell’immondizia incendiati, non giova alla causa per cui si è scesi in strada. Fabrizio sottolinea che lottare per il diritto allo studio è necessario, auto-negarsi tale diritto perdendo inutilmente giorni di scuola è da incoscienti.

Gli stessi concordano che riscaldamenti accesi nei periodi freddi, attrezzature adeguate, scuole sicure, alternanza scuola-lavoro dignitosa, libri a costi accessibili non possono essere gli unici motivi di una protesta; perché non protestare per avere tutti più passione a scuola da parte dei docenti e degli studenti? Per il fatto che si è spesso considerati operai i docenti, e numeri gli studenti, anziché persone e persone in relazione? Per il fatto che non ci basta uno studio nozionistico e una valutazione numerica, ma uno “studio” che sia amore e un “sapere” che sia gusto per la cultura?

Da Prof. sento di aggiungere qualcosa alle loro equilibrate considerazioni. Dopo le autogestioni e le occupazioni di solito le strutture scolastiche non sono più le stesse: sporche, danneggiate, peggiori di prima per quanto possibile; non è forse darsi la zappa sui piedi e perdere credibilità? Ci sono diversi modi per far sentire la propria voce da studenti e vivere da protagonisti la scuola; forse andrebbero rivalutate le assemblee di classe, quelle di istituto, le giornate della creatività, la produzione di giornalini scolastici; quante volte le prime finiscono in litigi da talk show, le seconde vengono disertate, le terze sono un modo per sporcarsi di colore, la quarta non esiste o è banale!

Sembra paradossale, ma le vere “rivoluzioni” dovrebbero avvenire dentro le scuole, stando fra i banchi, dialogando nei corridoi, producendo pensiero critico, elaborando cultura con la complicità di tutti, studenti, docenti, dirigenti, famiglie.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi