L’ultimo samurai

da | 23 Gen 2018 | Film

Tu pensi che un uomo possa cambiare il suo destino?”
“Io penso che un uomo fa ciò che può, finché il suo destino non si rivela”.

Il destino del capitano Algren è nel Giappone della seconda metà dell’Ottocento. Non in quell’America conquistata col Winchester, sterminando cheyenne innocenti, al comando del generale Custer, “un omicida innamorato della sua stessa leggenda”. E’ per cancellare quel livido impresso sulla propria coscienza che Algren passa “di là”. Dalla parte di una storia millenaria destinata, comunque, a soccombere sotto i colpi di un progresso che non risparmia più nessuno. Emblema di quella storia, è L’ultimo samurai.

Storia del Capitano Algren del 7° cavalleggeri e del suo coinvolgimento nell’epopea che decretò l’ingresso della civiltà nipponica tra le moderne potenze militari. Il prezzo da pagare fu mettere fine alla millenaria tradizione dei samurai, guardia scelta dell’Imperatore, guidata nel suo canto del cigno da Katsumoto, grande guerriero. Algren, prigioniero dei samurai, conosce un mondo fondato su valori dimenticati che imparerà ad amare.

Un film “datato”, ma molto significativo per il genere: quel genere che fonde la storia con i sentimenti, che impara a spiegare con un semplice poetica cinematografica, le difficoltà e le diversità che circondano il mondo. In questo film, molti hanno imparato ad amare, come Nathan, tutto il mondo nipponico dei samurai, guerrieri temibili e spietati, ma guidati da un rigido codice d’onore che per loro è vita, il bushido.

Nathan, come il profeta al tempo del re Davide, con le sue parole e le sue azioni, condanna l’operato dei funzionari corrotti nipponici e l’ingerenza militare americana; un moderno profeta che ci mostra come onore e rispetto non siano valori vuoti o mangiati dalla modernità, ma concetti vivi e forti, magari incapaci di cambiare l’economia, ma sicuramente che riescono a trasformare il cuore stesso dell’uomo.

In questa pellicola su cosa dovremmo focalizzarci? Qual è il punto centrale?

Bello sarebbe discutere insieme sul concetto di tradizione, moderno e amore. Proprio perché il Capitano Algren ha imparato ad amare una tradizione lontana da lui, sicuramente poco moderna, ma capace di riportare alla fede, chi fede non ha o ha perso. Dice lo stesso capitano di non essere mai stato un uomo molto religioso, ma che in quel villaggio, per la prima volta è riuscito a dormire senza incubi, senza provare vergogna per la sua vita.

Emerge così un concetto nuovo e rivoluzionario di religiosità: un sentimento che ti permette di non provare vergogna per chi sei o per ciò che vivi, ma un sentimento capace di trasmettere amore, fiducia e speranza.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi