Black Panther

da | 27 Feb 2018 | Film

I Marvel Studios confezionano una delle loro migliori pellicole di sempre,
un film diverso, maestoso e affascinante.

“Wakanda per sempre!”

Lo dico chiaramente, Black Panther è un trionfo. È tutto quello che si poteva sperare che fosse e anche di più, è difficile trovare dei difetti (a parte una CGI non ottimale nello scontro finale tra T’Challa e Killmonger).

Come evidenziato già da altre critiche, è forse il film meno per bambini dell’MCU (se in Guardiani della Galassia: Vol.2 alcuni temi trattati già non lo erano, qui tutto è orientato a un target differente, incluse alcune scene visivamente “pesanti da digerire” – [Pre?]Ado+). Si trattano temi politici con stile (accentuando la vena thriller di Captain America: The Winter Soldier), ma mai “uscendo dalla traccia”; lo humor è contenuto e molto ben dosato.

Il Wakanda, nazione africana fittizia di cui T’Challa/Pantera Nera è il re, è il vero protagonista della pellicola. Nazione nascosta al resto del mondo, ma con tecnologie e possibilità oltre l’immaginabile; in equilibrio tra cultura ancestrale e progresso tecnologico ultra-futuristico. È questa dicotomia estrema e affascinante che contraddistingue il Wakanda e di conseguenza la poetica del film.

Il regista Ryan Coogler tratta con estremo rispetto sia il materiale di origine, sia la cultura africana esaltata davvero al suo massimo: riti, danze, colori, suoni (ritmi tribali e percussioni tipicamente africane fanno da padroni nella colonna sonora).

Tutti i personaggi sono caratterizzati in modo eccelso, tutti – senza eccezioni.

Solo per citarne alcuni  T’Challa: re prima di essere eroe, e prima ancora uomo “con un cuore buono”; Okoye e Nakia spiccano donando spessore alla storia, così come Shuri, per la quale è chiaro che i Marvel Studios abbiano dei piani a lungo termine. Bellissima la relazione col fratello.

Killmonger è un villain perfettamente costruito (uno dei migliori nell’MCU): [LIEVE SPOILER] un uomo che si è lasciato accecare dal dolore, diventando a sua volta ciò che giurava di distruggere. [FINE SPOILER]

La sua entrata in scena ricorda molto le atmosfere de Il Cavaliere Oscuro, anche se la performance di Michael B. Jordan non è neanche lontanamente paragonabile a quella di Heath Ledger nei panni di Joker.

Altri riferimenti (voluti?) sono quelli a Il Re Leone per le sequenze sul piano ancestrale e a 007 per la sequenza al Casinò, forse la scena d’azione migliore del film (anche se la seconda lotta alle cascate crea un pathos decisamente maggiore).

Siamo davvero di fronte a una pellicola che rivoluziona il genere dei cinecomic e non solo: un film potente, intenso, profondo… assolutamente da non perdere!

Perché scegliere questo film in oratorio? [SPOILER]

Innanzitutto si potrebbero aprire interessanti discussioni sui temi della lealtà e dell’onore partendo (ad esempio) dalla figura di Okoye, generale delle Dora Milaje, simbolo stesso dell’integrità e del valore, leale al proprio ruolo, ma anche capace di capire fino a quando questo sia giusto e quando invece sia tempo di seguire il cuore.

Un altro spunto, molto attuale, lo si ricava dal finale e si lega a una frase di Papa Francesco: “Costruire ponti, non muri.”
Il Wakanda ha una ricchezza enorme che ha sempre tenuto per sé. Ora T’Challa (anche grazie al suo nemico, Killmonger) capisce questo: se si ha una ricchezza, bisogna andare incontro al mondo.

Matteo Pirovano

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi