Sorpresi dalla gioia

Sì perché la gioia della Pasqua è una gioia che “ci prende alle spalle”, ci sorprende e ci lascia quasi senza respiro.

La Quaresima ci ha condotti in un tempo di raccoglimento, di silenzio, di essenzialità e di riflessione sulle povertà e sui peccati nostri e del nostro mondo; la settimana Santa, la settimana Autentica, ci ha lasciato con il grande dolore del venerdì santo e l’intenso silenzio del sabato. Ed ecco ci esplode davanti agli occhi l’annuncio della Resurrezione!

Mentre il Natale è preparato da un crescendo di attesa e di gioia per la nascita annunciata del Figlio di Dio, la Pasqua ci prende quasi impreparati, come qualcosa che il cuore desiderava, ma che non osava ormai sperare, qualcosa per cui occorre lottare contro la delusione e la tristezza perché non si spenga.

Quella della Pasqua non è da subito la gioia esplosiva della festa annunciata, ma è forse meglio quella gioia intensa, insperata, talmente grande che toglie il fiato, che fa spalancare gli occhi dallo stupore, che ha dell’incredibile, ma che, proprio per questo, è forse più profonda, più intensa, più vitale, entra in ogni angolo oscuro del nostro esistere e lo illumina, ridona speranza, apre alla Vita che vince ogni morte.

È lo sguardo di Maddalena che viene ripescato dal pozzo delle lacrime e, quasi incredulo, vede il Maestro vivo. È il sorriso abbozzato sulle sue labbra, che ha il sapore di una felicità che risale dal profondo e che avvolge tutta l’esistenza. È il suo volto teso ad ascoltare la Voce che pronuncia nuovamente il suo nome e che la invia a portare la stessa gioia ai fratelli. È il suo corpo inginocchiato e proteso, quasi a voler trattenere quell’incontro, a immedesimarsi con il Cristo risorto perché tutto di lei possa raccontare di Colui che solo è capace di ridare la vita vera.

Vorrei allora che questa stessa gioia sia per ognuno di voi, perché i giorni delle “nostre quaresime” si aprano allo stupore della Resurrezione, perché la fede nelle promesse di Dio non ceda davanti alle fatiche e alle difficoltà, perché tutto di noi sia intimamente “impregnato” dalla certezza che Cristo vince la morte da non permetterci di trattenere solo per noi questa “bella notizia”.

Lo auguro a voi, alle vostre comunità, alle vostre famiglie, lo auguro a chi rischia di fermarsi al dolore del venerdì santo o al silenzio del sabato, perché possa giungere allo stupore della gioia che Cristo non ci ha tradito, non tradisce e non delude mai!

“Lasciamo che lo stupore gioioso della Domenica di Pasqua si irradi nei pensieri, negli sguardi, negli atteggiamenti, nei gesti e nelle parole… Magari fossimo così luminosi! Ma questo non è un maquillage! Viene da dentro!”

Papa Francesco – 21/04/2014

                                                                                              Sr Maria Teresa Cocco

Chi è Charles de Focauld?

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo santo. di Gelsomino Del Guercio   Chi era Charles de Foucauld, l’intellettuale francese che è stato dichiarato santo il 15 maggio 2022? Nel Concistoro Ordinario Pubblico del 3 maggio 2021, Papa Francesco ne aveva decretato...

Novena mondiale a Maria Ausiliatrice 2022

In preparazione alla Solennità di Maria Ausiliatrice, che si celebra il 24 maggio 2022, la Famiglia Salesiana è unita nella preghiera della Novena Mondiale, dal 15 al 23 maggio 2022.   La Novena di quest’anno è affidata dal Rettor Maggiore dei Salesiani di Don...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #6

Don Bosco, un maestro dell’interattività! ‘Interattività’ è una parola chiave nella comunicazione digitale e virtuale!  Una parola relativamente nuova! Una parola forte! Una parola che ha cambiato le nostre relazioni! Da un bambino che gioca ad una persona anziana che...

Un figlio

Settembre 2011: in una Tunisia post primavera araba (la Rivoluzione dei Gelsomini finì nel gennaio 2011), una famiglia tunisina benestante resta coinvolta in una sparatoria durante la quale viene ferito gravemente il figlio. A seguito della necessità di un trapianto...

Maria Domenica Mazzarello animatrice di comunità

“Amata e chiamata”: radicata in questa verità sulla persona umana, Madre Mazzarello ha saputo incarnarla nel vissuto di ogni giorno, imparando a corrispondere al dono d’amore di Dio facendosi dono sincero di sé alle sorelle e alle giovani. Scrive Giovanni Paolo II...

150° FMA: nella Chiesa con i giovani

150 anni fa, a Mornese, nasce la prima Comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Il nostro grazie va innanzitutto a Dio, che sempre agisce nella storia con la logica dei piccoli e dei poveri e realizza là, dove la docilità si spalanca ad accogliere l’azione del suo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi