La Parola di Dio in viaggio

da | 29 Gen 2019 | La buona parola

Di Marco Stroppa – Istituto Papirologico di Firenze

Un papiro dall’Egitto a Firenze

Chissà cosa avrà pensato lo scriba Teodoro (il nome è di fantasia, purtroppo quello vero non lo conosciamo) quando finì di realizzare il libro che gli era stato ordinato, una copia elegante degli Atti degli Apostoli, circa nel 500 dopo Cristo: certo non poteva immaginarsi che 1500 anni dopo alcuni resti della sua produzione sarebbero arrivati fino a Oxford e a Firenze! Probabilmente Teodoro era all’oscuro dell’esistenza di entrambe queste città…

Teodoro, infatti, viveva in Egitto e scriveva in greco: questi sono rispettivamente il luogo di provenienza e la lingua delle migliaia di frammenti conservati presso la Sackler Library di Oxford e l’Istituto Papirologico di Firenze. Fra questi ultimi si trova un piccolissimo frammento (cm 2,8 x 4,3) che ho trascritto e identificato, nonostante le poche lettere leggibili. La sequenza delle lettere e la loro disposizione corrispondono al testo degli Atti degli Apostoli, capitolo 7, dove si narra del martirio di Stefano; quindi non c’è alcun dubbio su quale fosse l’opera da cui proviene il frammento! Il testo degli Atti degli Apostoli dice: “Proruppero allora in grida altissime turandosi gli orecchi; poi si scagliarono tutti insieme contro di lui, lo trascinarono fuori dalla città e si misero a lapidarlo”.

Nella foto qui sotto a destra, all’ultima riga in basso, si vedono le lettere ΠΟΛ della parola ΠΟΛΕΩΣ, «città».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Frammento di Firenze

A questo punto io avevo in mano un minuscolo pezzettino – si vedono meno di 20 lettere per ciascuno dei due lati su cui è scritto il papiro –, ma cercando fra i papiri di Oxford studiati da alcuni colleghi una decina di anni fa, ho notato che il papiro numero 4968 era composto da 8 pagine di un codice (anch’esse abbastanza malridotte, guardate qui) degli Atti degli Apostoli, datate al 500 d.C. circa. Grazie alle foto digitali (meno male che c’è internet, per i papirologi ha velocizzato, e di molto, il lavoro!) sono in grado di affermare che tutti questi frammenti facevano parte del libro realizzato da Teodoro!

Ma allora come mai oggi ce n’è un pezzo a Oxford e uno a Firenze?

Le strade dell’archeologia sono infinite:

dalla fine del 1800 in poi inglesi e italiani hanno effettuato scavi fra le rovine della stessa antica città, Ossirinco, sorta sulle rive del Nilo a circa 200 km a sud del Cairo. E allora può capitare che un pezzo di papiro trovato dagli inglesi e conservato ora a Oxford si congiunga con un pezzo trovato nello stesso posto decenni dopo dagli italiani e ora conservato a Firenze.

Sta all’abilità e all’esperienza del papirologo “unire” virtualmente i reperti e riconoscere la medesima scrittura: un lavoro certosino, di precisione e di pazienza, ma che, come in nel caso del piccolo frammento di Firenze, porta a ricavare un buon numero di informazioni da un microscopico brandello di libro.

Negli ultimi anni è capitato più volte, quindi, di ricollegare più frammenti di uno stesso papiro che erano stati dispersi in diverse parti del mondo: in molti casi si tratta di libri della letteratura greca (l’Iliade e l’Odissea di Omero) oppure di documenti della vita quotidiana (lettere, contratti, liste, ecc.). Ma in Egitto, almeno dal 100 dopo Cristo, cominciarono a circolare anche testi cristiani: copie dei vangeli, trattati dei primi padri della Chiesa, documenti redatti dalle prime comunità dei seguaci della nuova religione. Per questo motivo questa volta i pezzetti di papiro ‘ricongiunti’ appartengono agli Atti degli Apostoli, cioè ad uno dei libri più significativi del Nuovo Testamento, che racconta la condivisone della fede fra i primi discepoli. Chissà Teodoro come sarebbe stato soddisfatto di sapere che il libro che lui appena finito di copiare era destinato a trasmettere la sua fede attraverso i millenni e attraverso migliaia di chilometri!

 

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi