91° Oscars

da | 5 Mar 2019 | Film

Di Matteo Pirovano

Trionfa Green Book e Black Panther scrive la storia in un’edizione all’insegna di un giusto “black power”

“We will rock you!”—Così i Queen (veri) hanno aperto la 91° Cerimonia degli Academy Awards, comunemente noti come Oscar; all’insegna dell’intrattenimento, della musica e di film meno “di nicchia” rispetto ad altre annate.

Da quel momento in poi, questi hostless Oscar sono filati piuttosto lisci, senza fronzoli, alternando le assegnazioni dei premi con le performance musicali live.

Certo, siamo lontani dai fasti dell’86° edizione con Ellen DeGeneres, ma paragonata alla pesantezza di un Chris Rock – tanto per citarne uno – mille volte meglio questa formula più semplice e “snella”.

A inaugurare la nottata è Regina King, che vince come Miglior Attrice Non Protagonista per If Beale Street Could Talk. Il modo in cui ha guardato e ringraziato la mamma è bastato a emozionare tutti.

Tra qualche previsione e parecchio stupore, Black Panther ottiene ben tre premi (costumi, scenografie e colonna sonora) diventando il primo film dei Marvel Studios a vincere degli Oscar, e il primo film di supereroi a vincerne così tanti. Wakanda Forever!

Momento shock è stato quello per l’Oscar alla Miglior Attrice (categoria in cui già erano state snobbate attrici come Emily Blunt per Mary Poppins Returns ed Emma Thompson per The Children’s Act), con Olivia Colman che batte – inaspettatamente – Glenn Close, che continua a detenere l’infausto record per l’attrice con più nomination e zero vittorie (ad oggi 7-0).

Almeno, dal canto suo, la Colman ci ha regalato uno dei momenti più esilaranti dell’intera serata con il suo acceptance speech simil-estemporneo.

Trionfa – infine e per fortuna – Green Book sul pronosticato Roma, aggiudicandosi il titolo di Miglior Film e due altre statuette per il Miglior Attore Non Protagonista e per la Miglior Sceneggiatura Non Originale.

Seppur io continui a ritenere che The Place Where Lost Things Go meritasse il premio alla Miglior Canzone Originale più di Shallow, è innegabile che il duetto tra Lady Gaga e Bradley Cooper sia stato il momento più “emozionato” ed emozionante dell’intera Nottata: un’esibizione magari non perfetta, ma che ha senza dubbio trasmesso tanto.

“Vince” il tappeto rosso, ai miei occhi, Regina King con un abito a suo modo semplice e sofisticato; maestosa avvolta in questo abbraccio bianco con strascico.

Notevoli anche l’argentata Brie Larson, la dorata (forse confidando nella statuetta, come già fece Meryl Streep nel 2012?) Glenn Close, Emilia Clarke, Julia Roberts e Amy Adams, mentre un gigantesco no alle “favorite” Emma Stone in versione waffle e Rachel Weisz in un rosso troppo “plastico”.

Come ho scritto nel titolo, tante vittorie black, ma va bene così. Tutto meritato, niente di forzato in nome del politically correct (come, ahimè, successo altre volte… vero La La Land/Moonlight?).

E allora congratulazioni a tutti i vincitori e al prossimo anno, perché alla fine, chiunque vinca e qualsiasi cosa accada, la Notte degli Oscar è sempre emozionante e magica, e un immancabile appuntamento per celebrare il tanto amato mondo del Cinema!

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi