Essere educatori: delusione e sfida

Di Riccardo Deponti

L’esperienza come educatore in oratorio, come catechista di un gruppo di adolescenti è sempre una sfida. Già educare in sé è la sfida più grande che un ragazzo, giovane, adulto vive prima “ricevendo”, e poi “dando, donando”.
Ma come è educare gli adolescenti oggi?

È una sfida molto difficile.
Cercare di lanciare una provocazione, lasciare un messaggio, sperare che i ragazzi affidati possano tornare a casa con anche solo una parola da un incontro settimanale… Provare a insegnare quel “qualcosa” che un certo Gesù disse qualche migliaio di anni fa, in un contesto storico, politico, geografico totalmente differente e provare a tradurlo nei giorni nostri, nel linguaggio che usano gli adolescenti oggi, nel far breccia tra i loro interessi.
Perché non basta leggere una lettura, raccontare un insegnamento.
Devono provarlo in prima persona, farlo loro.

È una sfida che a volte ti porta a una sconfitta. Perché educare è fatto anche di questo. Piccole sconfitte. E allora cosa possiamo fare?

Spesso è disarmante vedere il disinteresse, la mancanza di rispetto, il sentirli già vissuti delle esperienze.
E anche quando li si mette di fronte alla loro fragilità si nascondono dietro una maschera di irriverenza e superiorità. Ma è una maschera di fragilità. Che nella vita vera rischia di sbriciolarsi.

Fare l’educatore oggi è una sfida nel trovare qualche canale comunicativo che non deve essere semplice per noi, ma che arrivi diretto a loro, una sfida nel parlare la loro lingua, nell’andargli incontro.
Ma anche questo spesso non basta.

Le sfide si vincono, ma anche si perdono? E allora? Che fare?

Si potrebbe reagire a caldo. Decisioni drastiche innescate dall’irruenza, dalla delusione, dal non riuscire a vedere una risposta agli sforzi. Si potrebbe lasciare perdere. È semplice, facile. Ma loro? Cosa ricevono dalla sconfitta?

Forse è in questi momenti che non solo l’educatore, ma tutte le persone vicino devono attuare quelle scelte, quei “no”, quegli esempi che possono aiutare questa età fragile già di suo. A volte anche il lasciare perdere può essere l’arma che da una provocazione, uno stimolo. Oppure prendersi del tempo, pregarci su.
Trovare un giusto discernimento perché alla fine ci tieni ai ragazzi e vorresti solo il bene per loro. E a mente fredda e confrontandoti arriva spesso la possibile soluzione.

Magari qualcuno non la comprenderà, non l’accetterà e lo vedrà sempre come una soluzione esagerata. Ma a questi ragazzi servono anche queste soluzioni. È sempre una sfida.

E tu, nel tuo piccolo, nella tua famiglia, nella tua cerchia di amici, come educhi?
Come sei d’esempio?

Riccardo, Elena & Mauro,
Chiara, Nicola e sr Lucia Brasca

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi