Il vento contro

da | 18 Giu 2019 | Libri

“La prima dedica non può che essere alle mie retine che, smettendo di funzionare, mi hanno costretto prima, e permesso poi, di conoscermi meglio”.

Con un umorismo spiazzante e una straordinaria plasticità, Daniele Cassioli inizia così il racconto della sua esperienza di vita che lo ha portato a diventare campione paralimpico di sci nautico, ma soprattutto un ragazzo felice, perché ha imparato ad andare contro vento.

Infatti: “Il vento contro è proprio quella condizione ideale che ti fa venire voglia di volare”.

Daniele si lascia letteralmente andare nei racconti che portano con sé profumi, odori, gusti – talvolta amari perché sanno di sconfitta o di perdita di un affetto, ma pur sempre preziosi nel proprio bagaglio di vita – che accompagnano le sue esperienze di esplorazione del mondo, come quella di distinguere una città dall’altra per gli odori o per i rumori.

Come ha fatto a diventare campione in uno sport incredibile come lo sci nautico? E perché proprio quello fra tutti gli sport paralimpico? Lo scoprirete leggendo il libro, ma certo la risposta ha a che fare con i suoi genitori che non l’hanno tenuto sotto una campana di vetro, ma l’hanno sempre mandato a giocare con gli altri bambini; con la sensazione di massima libertà che prova solo sugli sci d’acqua; con la fiducia cieca nel suo allenatore – cieca sì,  come lo dice lui stesso: “Fidarsi ciecamente, un modo di dire che nel mio caso è letterale. … la mia vita si fonda sulla fiducia: di me stesso e degli altri.

Un libro che si legge in un fiato… e si diventa subito amici di Daniele, che ti porta con sé nel suo mondo, che forse non sarà fatto di immagini, ma che è proprio come il nostro, con le gioie e le paure, le conquiste e le delusioni, i sogni e le speranze.

Le prime trasgressioni, la prima cotta, la scelta dei vestiti abbinati con i colori giusti: tutto narrato con estrema naturalezza e quel tocco di humour che rende la lettura davvero piacevole!

La cosa bella, andando a conoscerlo di persona in uno dei suoi incontri con i ragazzi delle scuole, è che i suoi consigli sono “inclusivi”, cioè rivolti a tutti i giovani: “non rinchiudetevi a giocare con i videogames, fino a non essere più capaci di muovervi, ma fate come me che non ho avuto paura di scendere in cortile a giocare a nascondino anche se… naturalmente perdevo sempre!”. Questo è diventato ormai anche il suo impegno con i bambini non vedenti: lo sport è la strada per uscire di casa e misurarsi con la vita.

“Amo lo sport, perché mi ha insegnato a conoscermi, a capire i miei limiti e a imparare come superarli, partendo da ciò che ho e non da quello che mi manca. Mi ha inoltre permesso di comunicare che la vita è godibile, qualunque sia la condizione che siamo costretti a vivere. Insomma, lo sport mi insegna tutti i giorni a diventare migliore”.

Insomma, un libro consigliato per l’estate dall’autore stesso, che sulla sua pagina Facebook scrive:

Un libro per le vacanze estive? “Il vento contro” è il top! Non perché l’ho scritto io eh! Però se diamo da leggere ai ragazzi dei mattonazzi paurosi è normale che poi si dica: “ecco, i giovani non leggono più…”. E dopo che l’avete letto vengo a scuola a trovarvi! Con l’inizio del nuovo anno accademico! Per rendervi la vita facile è scritto grande! E poi fa ridere e un po’ riflettere! Ve li firmo tutti con la mitica penna a 4 colori così potete scegliere quello che preferite!

Allora buone vacanze e buona lettura! Ci “vediamo” presto tra i banchi di scuola! (Daniele)

]]>

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi