Rappresentanti di classe

da | 22 Ott 2019 | Giovani

Rappresentanti di classe

da | 22 Ott 2019 | Giovani

di Marco Pappalardo

In tutte le scuole secondarie di secondo grado ottobre è il periodo delle elezioni dei rappresentanti dei genitori e degli studenti nei diversi organi collegiali.

La partecipazione più intensa è quella degli studenti, mentre in netto calo è la presenza dei genitori. In un’altra pagina di questo ‘Diario’ ci interrogheremo su questi ultimi e sulla loro assenza, ma ora merita spazio una lettera scritta da Virginia ed Emanuele, due rappresentanti di una classe ora al quinto anno, che hanno vissuto il loro ruolo come un servizio generoso; a conclusione del mandato relativo al quarto anno, una volta eletti i nuovi, hanno dedicato queste parole ai compagni, ancora più significative essendo ormai alla fine del percorso:

“Cari compagne e compagni, nell’anno trascorso da rappresentanti abbiamo provato a soddisfare ogni vostra richiesta quando è stato possibile. Ci teniamo a ringraziarvi per ogni singolo momento vissuto insieme in sintonia e forse in sinergia del quarto anno ormai volato via. Vi diciamo ‘grazie’, per aver dato fiducia a due poveri ragazzi che non sapevano a cosa realmente stavano andando incontro. Grazie per averci incasinato le giornate, per averci fatto confondere con le vostre strane richieste e per averci messo nei guai con i prof. Grazie per le risate e per i sorrisi, per le sfuriate e per i litigi, che ci hanno fatto crescere e diventare più uniti.

Come ogni cosa che si rispetti, però, se ha un inizio necessariamente deve avere una fine, e a questo punto non ci rimane che scrivere le ultime 200 pagine di questo grande diario di bordo che ognuno di noi, ne siamo certi, conserverà con cura nel proprio bagaglio. Da rappresentanti, ormai ex, ci teniamo ad augurarvi mesi ricchi di esperienze utili per riflettere, maturare e confrontarsi ancora una volta. Potrà essere pesante in alcuni casi, in altri leggero da poter toccare il cielo con dito, e, tutto questo potrà essere affrontato e vissuto a pieno solo se rimarremo uniti. Siamo una bella classe e dobbiamo continuare ad esserlo fino al suono dell’ultima campanella, quando qualcuno piangerà per la nostalgia degli anni trascorsi tra queste mura ed altri gioiranno dicendo ‘finalmente sono fuori di qui’. Vi auguriamo giorni sereni, nuovi inizi ogni ora, nonostante la stanchezza che già sentiamo. Siamo in gamba e proprio per questo mettiamocela tutta per vivere intensamente ogni minuto di questa avventura che volge al termine con il quinto anno già in corso”.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi