Anna e Marco | Lucio Dalla

da | 19 Nov 2019 | Musica

Anna e Marco | Lucio Dalla

da | 19 Nov 2019 | Musica

“L’Amore è il centro della nostra vita, perché nasciamo da un atto d’amore, 
viviamo per amare e per essere amati, e moriamo per conoscere l’amore vero di Dio”
Chiara Corbella Petrillo

Di Giulia Terzi

C’è odore di giovinezza quando questa canzone inizia a risuonare. Le sue note delicate hanno il sapore di freschezza giovanile. Le sue parole semplici e dolci raccontano di una fragilità guarita, di una tristezza sanata.

Con la sua Anna e Marco, Lucio Dalla crea un quadro impeccabile e universale dell’imperfetta armonia dell’essere giovane tanto che, a distanza di 40 anni dalla sua pubblicazione, questa canzone continua a parlare di tutti noi, giovani e ragazzi.

Uscita nel 1979, Anna e Marco è stata inserita nell’ottavo album del cantautore bolognese Lucio Dalla. Una melodia dolce accompagna un testo pungente che vede come suoi protagonisti due giovani. A fare da sfondo c’è il grigiore della periferia metropolitana, in cui la luna e le stelle diventano segno di sogni irraggiungibili, di quell’America lontana che invade la mente e i cuori dei più giovani, ma che rimane sempre una chimera. Così anche guardare quella luna e quelle stelle fa male: esse diventano solo palle da biliardo e luccichio dei flipper.

Anna è una stella di periferia, con uno sguardo attento ma che appare sempre più spento: sogna infatti di scappare da tutto quel grigiore cittadino e, sulla pista da ballo, scatena tutti i suoi timori, le sue insicurezze e la sua amara insoddisfazione.

Marco è un lupo di periferia, il cui mondo gira attorno alla madre, alla sorella e al solito gruppo di amici. Anche a Marco, però, questo mondo sta stretto: anch’egli sogna di scappare dalla poca vita, sempre quella. Una moto, che porta Marco e i suoi amici in città, disegna una svolta, un cambiamento improvviso, una ventata di aria fresca. In un locale, che fa schifo, Anna e Marco si incontrano, si scambiano la pelle, ed iniziano a volare.

Tra i due scatta l’amore e questo cambia tutto: la luna, che fino a qualche giorno prima faceva così paura, diventa luna di città, scende per strada e su essa cammina. Quella felicità che i due sognavano e pensavano di poter trovare solo lontano da quel grigiore cittadino, gli viene incontro, diventa concreta, si fa spazio nella loro vita. Cambia tutto, in un’immobile realtà che rimane la stessa. A cambiare sono solo i cuori dei due ragazzi che, finalmente, iniziano a battere.

Ecco allora la conclusione del testo: “Anna avrebbe voluto morire / Marco voleva andarsene lontano / Qualcuno li ha visti tornare / Tenendosi per mano”.

I due accettano il loro mondo, decidono di vivere in esso. Non è una scelta dettata dalla passività la loro: i due giovani sembrano raggiungere, infatti, la consapevolezza che anche in tutto quel grigiore può nascondersi la felicità e la loro piena realizzazione. Essi comprendono che, a salvarli, può essere solo l’amore.

Un amore salvifico, dunque, quello che si legge tra le righe di questo testo. Un amore che entra nella vita di questi due giovani e ne ravviva le speranze. Un amore che porta a pieno compimento la loro vita, nonostante essa rimanga sempre la stessa. Un amore che, se accolto e accettato, ci salva. Tutti quanti.

Dalla, con questo testo, ci dona il segreto più dolce ma, a volte, così amaro per avere una vita felice: porre al centro di noi stessi l’amore, accettare di essere amati e amare a nostra volta.

Sembra scontato e banale, ma guardiamoci negli occhi e diciamocelo: lo stiamo facendo davvero?

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi