L’ufficiale e la spia

da | 9 Dic 2019 | Film

L’ufficiale e la spia

da | 9 Dic 2019 | Film

di Beppe Musicco per Sentieri del Cinema

Il 5 gennaio 1895 il giovane capitano dell’esercito francese Alfred Dreyfus viene degradato con l’accusa di avere passato segreti militari alla Germania e condannato alla detenzione a vita nell’Isola del Diavolo, nella Guyana francese.

L’ufficiale e la spia è il titolo italiano dell’originale francese J’accuse, che è il titolo dell’articolo a tutta pagina del quotidiano L’Aurore col quale lo scrittore Émile Zola si scagliò contro la società benpensante e antisemita del tempo.

Tratto dal libro di Robert Harris che espone con grande accuratezza i fatti, il film di Roman Polanski è stato presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2019, dove ha vinto il Gran Premio della Giuria – Leone d’Argento e il Premio della Federazione Internazionale della Stampa Cinematografica (Fipresci).

Il caso Dreyfus, nonostante siano passati più di cent’anni, è ancora una delle pagine più scandalose della giustizia di un paese democratico come la Francia. Menzogne, campagne di disinformazione, diffamazioni rimangono ancora come segni di infamia e sono tutt’oggi oggetti di studio. Se Alfred Dreyfus (Louis Garrel) è la vittima innocente del film, il vero protagonista dell’opera di Polanski è il capitano Georges Picquart (Jean Dujardin) che, dopo aver contribuito alla condanna del giovane ufficiale, viene promosso a un nuovo ruolo come capo del servizio segreto militare. Da questa posizione ha l’occasione per seguire nuovi sospetti e nuove piste, una delle quali sembra portare alla scoperta dell’innocenza di Dreyfus. Da qual momento Picquart, tormentato dal dubbio, si getta anima e corpo per arrivare a scoprire la verità, noncurante anche dei rischi per la sua carriera e per la sua stessa incolumità.

Polanski, a 86 anni, sfodera ancora il talento del grande maestro, immediatamente visibile nella cura con la quale il film è stato realizzato: la ricostruzione degli ambienti e dell’atmosfera del tempo fin nei minimi dettagli, i costumi, le scenografie; tutto è impressionante. La fotografia rende perfettamente l’assenza di luce elettrica, e conseguentemente l’angustia di certi luoghi, la penombra data dalle candele o dalle lampade a gas; l’approssimazione, ammantata di scientificità, con la quale venivano condotte indagini basate in gran parte sul pregiudizio.

Un pregiudizio che era già una condanna per chi era sempre sospettato di appartenere alla fantomatica “Internazionale ebraica” il cui scopo era l’arricchimento a dispetto delle nazioni di nascita. In un tempo di “fake news” e di un’informazione drogata, il film di Polanski ha il merito di riportare l’attenzione su temi come la coscienza, il dovere di cercare la verità, il rispetto per la persona, contro la scontatezza, l’indifferenza o il sospetto nei confronti di chi non appartiene alla stessa classe sociale, religione o altro. Polanski dirige magnificamente un cast di grande talento, a partire da Jean Dujardin nei panni di Picquart, e poi Garrel, Emmanuelle Seigner nei panni dell’amante di Picquart, e tutta una serie di attori, molti dei quali provenienti dalla Comédie Française (ma c’è anche l’italiano Luca Barbareschi, anche coproduttore dell’opera).

Fermo nella sua fiducia nell’esercito, antisemita, felice dell’umiliazione inflitta a Dreyfus, Picquart è tuttavia un uomo che crede nell’onore, soprattutto che non tollera che la verità venga sacrificata sull’altare dell’immagine dei militari. Condotto sempre con grande tensione, quasi come un thriller alla Hitchcock, L’ufficiale e la spia quando si sofferma sugli alti gradi dell’esercito francese ricorda anche molto Orizzonti di gloria di Stanley Kubrick, nel dipingere la supponenza e la vanagloria dei generali o l’ottusità degli ufficiali per i quali un ordine va eseguito senza mai farsi domande. Ebreo come il protagonista del film, costantemente sotto inchiesta (e si veda anche il marchio ricevuto dalla presidente della giuria di Venezia a inizio Mostra: e meno male che questo non ha impedito di assegnargli un meritato premio), Polanski ci dà ancora una volta una grande lezione di cinema, e nuovi (o vecchi) temi sui quali sarebbe bene soffermarsi ancora.

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Chi è Charles de Focauld?

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo santo. di Gelsomino Del Guercio   Chi era Charles de Foucauld, l’intellettuale francese che è stato dichiarato santo il 15 maggio 2022? Nel Concistoro Ordinario Pubblico del 3 maggio 2021, Papa Francesco ne aveva decretato...

Novena mondiale a Maria Ausiliatrice 2022

In preparazione alla Solennità di Maria Ausiliatrice, che si celebra il 24 maggio 2022, la Famiglia Salesiana è unita nella preghiera della Novena Mondiale, dal 15 al 23 maggio 2022.   La Novena di quest’anno è affidata dal Rettor Maggiore dei Salesiani di Don...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #6

Don Bosco, un maestro dell’interattività! ‘Interattività’ è una parola chiave nella comunicazione digitale e virtuale!  Una parola relativamente nuova! Una parola forte! Una parola che ha cambiato le nostre relazioni! Da un bambino che gioca ad una persona anziana che...

Un figlio

Settembre 2011: in una Tunisia post primavera araba (la Rivoluzione dei Gelsomini finì nel gennaio 2011), una famiglia tunisina benestante resta coinvolta in una sparatoria durante la quale viene ferito gravemente il figlio. A seguito della necessità di un trapianto...

Maria Domenica Mazzarello animatrice di comunità

“Amata e chiamata”: radicata in questa verità sulla persona umana, Madre Mazzarello ha saputo incarnarla nel vissuto di ogni giorno, imparando a corrispondere al dono d’amore di Dio facendosi dono sincero di sé alle sorelle e alle giovani. Scrive Giovanni Paolo II...

150° FMA: nella Chiesa con i giovani

150 anni fa, a Mornese, nasce la prima Comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Il nostro grazie va innanzitutto a Dio, che sempre agisce nella storia con la logica dei piccoli e dei poveri e realizza là, dove la docilità si spalanca ad accogliere l’azione del suo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi