5^ di Quaresima

5^ di Quaresima

29 marzo 2020 – Anno A

Vangelo di Giovanni 11,1-53

Commento di suor Chiara Papaleo, FMA

 

È sempre un’impresa ardua e delicatissima mettersi davanti ad una pagina di Vangelo come questa e provare a commentarla.

Ecco il settimo segno che Giovanni ci presenta, l’apice, IL segno, quello che porterà Gesù a dare la vita per un amico.

Da questo vangelo capiamo che Gesù ama la vita e ama l’amicizia. Ama Marta, ama Maria, ama Lazzaro! Anche noi, come i discepoli, non capiamo perché Gesù aspetti due giorni prima di incamminarsi verso Betania. Di più: questo non è l’unico dubbio irrisolto! Forse, c’è una domanda che accomunava i discepoli, Marta e Maria, e anche noi, in questo tempo di grande prova: come può Gesù permettere che un suo amico, tanto amato, si ammali, soffra e muoia?

Gesù si commuove tre volte in questo brano, addirittura scoppia a piangere, ci dice l’Evangelista. Anche lui piange constatando l’ingiustizia della morte.

In fondo, qual è la vera domanda che sta dietro allo strazio di una morte? Signore, fa’ che questo amore non finisca, non permettere alla morte di troncare questa relazione. E anche Gesù, oso immaginare, se lo chiede: come può morire l’amore?

Ecco che Gesù supera anche quello che dice il Cantico dei Cantici (Ct 8,6): “Perché forte come la morte è l’amore”. In questo ultimo segno, Gesù ci dice che è finalmente l’ora in cui l’amore è più forte della morte. Sappiamo che i segni giovannei vogliono porre l’attenzione – più che sul miracolo in sé – su Colui che è all’origine del segno. Allora è facile intuire che questa risurrezione profetizza quella di Gesù e manifesta la ragione profonda per cui Gesù scenderà agli inferi e vi risalirà fino al paradiso per la vita eterna. Nel duello tra morte e vita, vince – senza dubbio – la vita, vince l’amore, poiché il buon Dio non permetterà a nessuno di essere strappato dalla sua mano, nemmeno alla morte! La fede non ci permette di evitare il dolore della morte, però ci fa sapere che la morte ha già perso.

Lazzaro è fortunato, e sapete perché?
Non perché torna in vita, ma perché è circondato da persone che lo amano fino alle lacrime! “Liberatelo e lasciatelo andare”, per l’ennesima domenica di fila torna il tema della libertà. Perché è così, dove c’è Gesù fioriscono uomini e donne libere!

Lazzaro morirà di nuovo, Gesù non lo fa risuscitare per posticipare il più possibile l’inevitabile dolore della morte. Ma per liberare noi dall’idea della morte come fine di una persona; per liberare noi dalle nostre morti quotidiane.

Quante volte ti è sembrato di morire, ti sei arreso o arresa? Quante volte ti sei ritrovato senza voglia di amare e con in mano solo un pugno di delusioni? Quante volte ti sei detto: “Basta, mi arrendo, lascio perdere tutto! Non ci capisco nulla, lascio perdere anche te, Signore!”.
Bene, sappi che in quel momento il Signore ha dato e darà ordine a qualcuno di spostare tutte queste pietre dal tuo cuore, ti ordinerà di tornare a guardare la luce, che è Lui; Lui, un amico che piange per amor tuo e ti libera, e con l’abito di un bambino appena nato (cfr. Gv 11, 44a “Il morto uscì, i piedi e le mani legati con bende”) ti indicherà nuove strade da percorrere, e farà tornare a fiorire la tua vita.

Da quel momento decidono di uccidere Gesù, ma noi adesso possiamo già sentire il profumo della Pasqua. Sì, perché siamo salvi, ogni volta che un Amico è disposto a dare la sua vita per noi.

Abbi il coraggio di conoscere

Rita Levi Montalcini, BUR –Scienza- 2005   “Un grande avvenire dietro le spalle”: quando ripenso a questo libro ricevuto in dono per Natale da una cara amica tanti anni fa, per prima cosa mi viene in mente questa celebre frase di Vittorio Gassman, tanto...

Sulle spalle di due giganti

don Angel Fernandez Artime   La spiritualità salesiana è forte e regge l’urto del tempo perché saldamente connessa a due figure uniche nella storia provvidenziale della Chiesa: san Francesco di Sales e san Giovanni Bosco.   Vi auguro un felice anno nuovo,...

Andate in rete

TESTIMONIATE IL VANGELO CON LA VOSTRA VITA. Andate in rete di Marco Pappalardo – Lorenzo Galliani – Alfredo Petralia   I new media sono una risorsa per la crescita, la formazione, la pastorale, l’insegnamento, la catechesi perché si possono trasferire le...

Senza calze per scaldare i figli

Di Annalisa Teggi   Ha camminato a piedi scalzi perché i suoi figli potessero usare le sue calze come guanti. Era una famiglia in fuga dall'Afghanistan. I figli sono stati soccorsi, ma la madre è morta.   Il nostro presepe vivo - un'altra strada Per un’altra...

Buon Natale 2021

Figli amati e chiamati  «Un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio» (Is 9,5)   «Sei Tu, Gesù, il Figlio che mi rende figlio. Abbracciando Te, Bambino della mangiatoia, riabbraccio la mia vita. Accogliendo Te, Pane di vita, anch’io voglio donare la mia vita....

Dal carcere alla società grazie al teatro

Di Luca Cereda La storia di Ibrahima Kandji che è uscito dal carcere grazie al progetto teatrale “Per Aspera ad Astra”, sostenuto economicamente da 11 Fondazioni di origine bancaria   «Parlavo pochissimo l’italiano, ma grazie all’esperienza teatrale in carcere ho...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi