Cosa sarà

da | 7 Dic 2020 | Film

La scoperta di avere un tumore obbliga un uomo ad affrontare diversamente molto di quello che prima dava per scontato

Di Beppe Musicco

 

Bruno Salvati (Kim Rossi Stuart) è un regista cinquantenne dal brutto carattere e dalla carriera non proprio brillante. A detta del suo produttore (Ninì Bruschetta) fa film con attori non famosi, che non vuole che piacciano al pubblico, commedie che non fanno neanche ridere.  Non è che a casa vada molto meglio: ha un’ex moglie (Lorenza Indovina) e due figli cui vuole bene, ma con i quali sembra sempre incespicare. Una banale perdita di sangue dal naso che non vuole arrestarsi si rivela sintomo di qualcosa di ben più grave: un tumore del sangue curabile solo con un trapianto di midollo osseo non reperibile tra i familiari.

Francesco Bruni, già sceneggiatore del Montalbano televisivo, di molti dei film di Paolo Virzì e regista di bei film come Scialla!Noi 4 e Tutto quello che vuoi, decide di partire dalla sua storia personale (pur molto stravolta cinematograficamente, come sempre nei suoi film), di chi è passato attraverso le pene della chemio e salvato grazie a un trapianto di midollo. Bruno Salvati (non sfugge l’assonanza con “Bruni salvato”) è rappresentato con tutti i suoi limiti e attraverso flashback che lo riportano alla sua infanzia, al rapporto problematico col padre, alla tenerezza della madre che gli appare durante le fasi più stranianti della chemio.

È un lungo e non facile percorso per ritrovare sé stesso nella malattia che inizia con una lenta e significativa rasatura della testa sulle note di “Perfect Day” di Lou Reed, con scoperte sorprendenti (la possibilità di un trapianto da un parente che non si pensava di avere) e piccoli gesti quotidiani che esprimono bene il significato della parola “cura”: l’apparentemente brusca dottoressa (interpretata da Raffaella Lebboroni, moglie del regista), capace invece di farsi carico di pazienti spesso poco pazienti, la presenza della figlia (Fotinì Peluso), che rivela un carattere molto differente da quel che il padre pensava avesse, fino all’infermiere (Nicola Nocella), una presenza costante e non priva di spirito.

La scelta felice del cast (su tutti Kim Rossi Stuart – anche cosceneggiatore – in una delle sue migliori prove, ma anche un grande del teatro italiano come Giuseppe Pambieri) e delle ambientazioni (l’ospedale, gli splendidi esterni a Livorno nello snodo determinante della storia) rendono la storia credibile e spingono lo spettatore a un’empatia tutt’altro che sentimentale, grazie anche ai momenti nei quali il sorriso ha la capacità di insinuarsi anche nel dramma.

Da ultimo, la scelta di uscire al cinema in un momento nel quale tutto sembra cospirare contro: Bruni nel film giustamente ironizza su chi si riduce a guardare i film sullo smartphone e Cosa sarà (il cui titolo originale sarebbe dovuto essere originariamente “Andrà tutto bene”, espressione ormai inflazionata), dopo una lunga attesa in panchina durante il lockdown, esce in un periodo che ancora minaccia tempesta sulle sale cinematografiche. Un atto di coraggio e di fiducia che merita di essere supportato.

 

Fonte: sentieridelcinema.it

 

Abbi il coraggio di conoscere

Rita Levi Montalcini, BUR –Scienza- 2005   “Un grande avvenire dietro le spalle”: quando ripenso a questo libro ricevuto in dono per Natale da una cara amica tanti anni fa, per prima cosa mi viene in mente questa celebre frase di Vittorio Gassman, tanto...

Sulle spalle di due giganti

don Angel Fernandez Artime   La spiritualità salesiana è forte e regge l’urto del tempo perché saldamente connessa a due figure uniche nella storia provvidenziale della Chiesa: san Francesco di Sales e san Giovanni Bosco.   Vi auguro un felice anno nuovo,...

Andate in rete

TESTIMONIATE IL VANGELO CON LA VOSTRA VITA. Andate in rete di Marco Pappalardo – Lorenzo Galliani – Alfredo Petralia   I new media sono una risorsa per la crescita, la formazione, la pastorale, l’insegnamento, la catechesi perché si possono trasferire le...

Senza calze per scaldare i figli

Di Annalisa Teggi   Ha camminato a piedi scalzi perché i suoi figli potessero usare le sue calze come guanti. Era una famiglia in fuga dall'Afghanistan. I figli sono stati soccorsi, ma la madre è morta.   Il nostro presepe vivo - un'altra strada Per un’altra...

Buon Natale 2021

Figli amati e chiamati  «Un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio» (Is 9,5)   «Sei Tu, Gesù, il Figlio che mi rende figlio. Abbracciando Te, Bambino della mangiatoia, riabbraccio la mia vita. Accogliendo Te, Pane di vita, anch’io voglio donare la mia vita....

Dal carcere alla società grazie al teatro

Di Luca Cereda La storia di Ibrahima Kandji che è uscito dal carcere grazie al progetto teatrale “Per Aspera ad Astra”, sostenuto economicamente da 11 Fondazioni di origine bancaria   «Parlavo pochissimo l’italiano, ma grazie all’esperienza teatrale in carcere ho...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi