Battesimo del Signore – Anno B

Festa del Battesimo del Signore – Anno B
10 gennaio 2021
Vangelo di Marco, 1, 7-11
Commento di suor Graziella Curti, FMA

 

Lungo il Giordano si è radunata molta gente che aspetta, silenziosa e paziente, di essere battezzata da Giovanni. In fila c’è pure Gesù. In lui nulla di diverso dagli altri. Lui, figlio del padrone, potrebbe pretendere qualche privilegio: passare davanti. Invece procede secondo il suo turno. Ed è molto scandaloso. Invece, quando il Battista non accetta la sua richiesta di ricevere il battesimo, Gesù insiste. Si realizza così un incontro molto profondo e atteso da secoli. Un Padre della Chiesa lo dipinge con immagini bellissime. “Sono io (Giovanni) che devo ricevere da te il battesimo, così dice la lucerna al sole, la voce alla Parola, l’amico allo Sposo, colui che è il più grande tra i nati di donna a colui che è il primogenito di ogni creatura, colui che nel ventre della madre sussultò di gioia a colui che, ancora nascosto nel grembo materno, ricevette la sua adorazione”. In quel momento si compie la rivelazione. Una Voce dal cielo s’incarica di rivelare il Dio che si è fatto uno di noi e che sta in fila, come tutti, in attesa dell’evento purificatore.

Ermes Ronchi, un delicato esegeta che ben conosciamo, di fronte alla narrazione evangelica del Battesimo di Gesù: questo è il mio Figlio amato, mio compiacimento ha voluto evidenziare le parole usate dal Padre nella presentazione del Figlio. Termini che rivelano un rapporto di grande amore.

«Figlio» è la prima parola. Ogni figlio vive della vita del padre, non ha in se stesso la propria sorgente, viene da un altro.

Amato è la seconda parola. Prima che tu agisca, prima di ogni merito, che tu lo sappia o no, ogni giorno appena ti svegli, il tuo nome per Dio è «amato». Immeritato amore, che precede ogni risposta, lucente pregiudizio di Dio su ogni creatura.

Mio compiacimento è la terza parola. Termine raro e prezioso che significa: tu – figlio – mi piaci. C’è dentro una gioia, un’esultanza, una soddisfazione, c’è un Dio che trova piacere a stare con me e mi dice: tu, gioia mia! E mi domando quale gioia posso regalare al Padre, io che l’ho ascoltato e non mi sono mosso, che non l’ho mai raggiunto e già perduto, e qualche volta l’ho perfino tradito. Solo un amore immotivato spiega queste parole. Amore puro: avere un motivo per amare non è amore vero. E un giorno quando arriverò davanti a Dio ed Egli mi guarderà, so che vedrà un pover’uomo, nient’altro che una canna incrinata, il fumo di uno stoppino smorto.

Eppure so che ripeterà proprio a me quelle tre parole: Figlio mio, amore mio, gioia mia. Entra nell’abbraccio di tuo padre!

Ferite a morte

Serena Dandini, FERITE A MORTE, Rizzoli 2013 E se le vittime potessero parlare? Serena Dandini, da sempre dalla parte delle donne, in questo libro uscito in prima edizione nel 2013, vuole mettersi dalla parte delle vittime di femminicidio facendo loro raccontare la...

Calendari d’Avvento… cristiani

Quattro semplici idee in stile Corxiii per un calendario alternativo, a basso costo e ad altissimo beneficio per la tua fede, le tue relazioni e la tua capacità di donare e accogliere il Dono.   Di Sara Manzardo   C'è un qualcosa di magico quando si parla di...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #3

Il terzo dei dieci articoli mensili elaborati dal Consigliere Generale per la Comunicazione Sociale, don Gildasio Mendes, sul tema “Don Bosco e la realtà digitale e virtuale”, affronta un aspetto peculiare della comunicazione del Santo dei Giovani, e cioè come egli...

I vincitori del DBGYFF

Il 18 e 19 novembre, in 270 luoghi di 50 Paesi del mondo, si sono svolte le proiezioni dei 110 corti selezionati tra quelli in gara al DBGYFF e gli spettacoli celebrativi. Venerdì 19 novembre, invece, si è tenuto a Valdocco l’evento finale, durante il quale sono stati...

L’indicibile tenerezza

In cammino con Simone Weil Eugenio Borgna. ED. Feltrinelli   Si tratta di un libro impegnativo che esce dall’esperienza profonda di condivisione da parte dell’autore con Simon Weil, questa giovane donna che ha attraversato un’epoca di guerre e totalitarismi armata...

152^ Spedizione missionaria

Un gesto antico e sempre nuovo si è ripetuto domenica 21 novembre, presso la Basilica di Maria Ausiliatrice di Torino: quello della consegna del crocifisso missionario ai partenti della 152^ Spedizione Missionaria Salesiana.   “Come cristiani, tutti noi siamo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi