San Giovanni Paolo Magno

da | 1 Mar 2021 | Libri

Le familiari conversazioni, da giugno 2019 a gennaio 2020, tra Papa Francesco e il teologo e scrittore don Luigi Maria Epicoco sono diventate un libro: SAN GIOVANNI PAOLO MAGNO.

Sulla copertina c’è una bellissima fotografia di Giovanni Paolo II che abbraccia l’allora neo Cardinal Bergoglio, il giorno in cui gli impose la berretta cardinalizia. Il tema principale del volume è la figura di san Giovanni Paolo II raccontata da Papa Francesco. Don Luigi ne ha raccolto la testimonianza e l’autorizzazione dallo stesso Francesco di renderla pubblica e nella prefazione scrive che “È un insegnamento aver permesso di frugare nel suo cuore e nella sua mente.”

Conversazioni informali tra i due autori, in cui ricordi ed episodi, vissuti in prima persona da Francesco, si alternano a considerazioni che riguardano la Chiesa universale e che sottolineano i profondi legami tra i due grandi pontificati.

SAN GIOVANNI PAOLO MAGNO rappresenta una novità di straordinaria importanza in occasione del centenario della nascita di Karol Wojtyla (18 maggio 1920). Il titolo del libro incuriosisce ed è lo stesso  don Luigi a spiegare che la prima espressione che Papa Francesco ha usato per descrivere Giovanni Paolo II è stata: «È un grande», cioè “magno” in latino.

Ma ci sono altri due motivi: la lunghezza del pontificato, il magistero e le vicende storiche che ha vissuto e poi la folla che, il giorno del funerale, gridò “Santo subito”!

Nella prefazione Epicoco scrive: “Se le domande hanno, in genere, un orizzonte ampio, le risposte del Santo Padre si presentano pertinenti, sincere e incisive, e lasciano intravedere la sua sorprendente libertà interiore, coniugata con un coraggio disarmante e con un’autentica francescana semplicità.” Inoltre, spiega che lui ha semplicemente prestato la sua penna e ha cercato di mettere in dialogo Giovanni Paolo II con Francesco: infatti la maggior parte del testo raccoglie le parole dirette di Giovanni Paolo II e don Luigi ha avuto il privilegio di raccogliere le parole di Francesco: quanto c’è scritto, quindi, è opera di due grandi Papi che il teologo ha solo trascritto.

Il libro ripercorre, tramite gli scritti e le omelie del Papa polacco, la vita dell’arcivescovo di Cracovia, eletto  nel 1978 dopo la repentina morte di Giovanni Paolo I.

La vita di Wojtyla viene commentata da Papa Francesco che alterna il suo vissuto con quello del Papa polacco. Francesco ricorda che la sua esperienza di vita fino all’entrata nella Compagnia di Gesù, era stata simile a quella di Wojtyla: anche lui aveva lavorato in una fabbrica. Entrambi avevano sperimentato personalmente cosa significa il lavoro fisico, duro, diventando profondamente sensibili a questi temi e alle persone che vivono quotidianamente tale esperienza. Ambedue hanno avuto incarichi di responsabilità quando erano ancora giovani: Giovanni Paolo II divenne professore all’università, vescovo ausiliare e subito dopo arcivescovo di Cracovia. Francesco diventò maestro dei novizi appena nominato sacerdote, poi rettore di un collegio e Superiore Provinciale dell’Argentina in un momento difficile per il Paese. Inoltre, c’è una sintonia totale tra i due Papi riguardo la figura del sacerdote: preghiera e annuncio della Parola sono il suo compito fondamentale e Papa Francesco sottolinea che nella linea dei suoi predecessori pensa al celibato come una grazia e non un limite.

In particolare, nel terzo capitolo viene lasciata a Giovanni Paolo II la parola sul sacerdozio tratta dal suo libro autobiografico Dono e Mistero. Le attese dell’uomo contemporaneo nei confronti del sacerdote, sacerdote ministro della misericordia, uomo a contatto con Dio, chiamato alla santità, ha cura delle anime ed è uomo della Parola: questi sono solo alcuni aspetti trattati in questo ricco capitolo.

Altre affinità tra i due Pontefici riguardano l’America Latina da cui Francesco proviene e che Giovanni Paolo II visitò più volte e la concezione sulla questione sociale, partendo dall’esperienza di lavoro, “come mezzo si santificazione, di umanizzazione della società e della storia”. Altro punto di contatto e continuità tra il Magistero di Francesco e Giovanni Paolo II è la valorizzazione della donna all’interno del vissuto ecclesiale e la profonda devozione alla Madonna, l’amore per Maria “che insegna alla Chiesa ad attraversare le notti e a fidarsi del giorno quando ancora il giorno è lontano. Solo una donna riesce a insegnarci un amore fatto di speranza.”

Misericordia e gioia sono parole che Francesco dice di aver imparato da Giovanni Paolo II e sottolinea che la maggior parte dei suoi documenti inizia con la parola gioia che è “la caratteristica più importante dell’incontro con Gesù risorto.”

La chiusura del libro è molto significativa per comprendere l’attuale Papa. Alla domanda se si sente protetto dai tre Papi che ha proclamato santi, risponde che crede di dar loro molto lavoro e penseranno: “Questo ragazzo si mette troppo nei guai.” Soprattutto Paolo VI che lui ama tanto “forse sogna per me un po’ più di prudenza… ma mi sento accompagnato e protetto dal loro grande esempio e dalla loro immensa testimonianza di fronte alla quale io mi sento davvero piccolissimo, semplicemente un peccatore perdonato.”

Che aggiungere d’altro?

Buona lettura…

3^ Domenica di Pasqua

3^ Domenica di Pasqua 18 aprile 2021 Vangelo di Luca 24,35-48 / Giovanni 14,1-11 Commento di suor Cristina Merli, FMA     Lo ammetto, ho sbagliato! Convinta di dover fare il commento al Vangelo romano, sono pronta a registrare il podcast quando scopro che mi...

3^ Domenica di Pasqua

3^ Domenica di Pasqua 18 aprile 2021 Vangelo di Luca 24,35-49 Commento di suor Maria Vanda Penna, FMA   Così sta scritto È in corso una riunione, forse un pranzo, con molte persone: gli apostoli, “quelli che erano con loro”, i due discepoli di Emmaus che raccontano...

La migliore politica

di Luca Croci   A parer mio, i problemi della politica attuale sono la mancanza di una visione a lungo termine e una ottusione culturale generalizzata. La prima motivazione è facilmente osservabile: la stragrande maggioranza delle riforme o delle soluzioni...

Emergenza alluvione, Timor – Indonesia

Le Comunità FMA dell’Ispettoria “S. Maria D. Mazzarello” (TIN) rispondono all’emergenza alluvione offrendo ospitalità alle famiglie.   Dal 4 aprile 2021, forti inondazioni e frane causate da intense piogge hanno colpito l’area della Capitale di Timor Est, Dili, alcune...

Alin, da allievo a imprenditore

Alin Cazacu è un giovane exallievo del Centro di Formazione Professionale (CFP) salesiano di Serravalle Scrivia, in provincia di Alessandria, Piemonte. Grazie alla sua determinazione, al suo impegno, e agli insegnamenti ricevuti durante gli anni da studente del corso...

Il Papa ai giovani: Dio ha sete di voi

Pubblichiamo l’introduzione di Francesco al libro scritto dal cardinale Raniero Cantalamessa che racconta la tradizione di frate Pacifico, cantastorie che seguì il Poverello di Assisi   Questo libro è stato voluto per te, mio giovane fratello in ricerca, e io...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi