Amati e Chiamati – #makethedream

PROPOSTA PASTORALE 2020/2021

AMATI E CHIAMATI
“Renditi forte, umile e robusto”
#MAKETHEDREAM

Nel secondo anno in preparazione al bicentenario del “sogno dei nove anni”, poniamo al centro le parole di Maria che invitano Giovannino Bosco a lavorare sul suo carattere, ad assumere una personalità tanto tenera quanto solida: “Renditi umile, forte e robusto”. Il sogno della missione salesiana va costruito, non si può improvvisare: ecco perché l’hashtag di quest’anno è #makethedream.
Tutto il percorso verrà scandito da due verbi fondamentali dell’identità cristiana: amare e chiamare.
In questo lavoro su noi stessi saremo accompagnati in maniera speciale da san Francesco di Sales, maestro di vita cristiana e di spiritualità giovanile. Il 28 dicembre 2022 ricorreranno i quattrocento anni della morte del santo a cui don Bosco fin dall’inizio si ispirò per incominciare la propria opera educativa.
L’idea di fondo di quest’anno sta nell’accompagnare la comunità educante e ogni singolo giovane e adulto ad assumere la consapevolezza di lavorare sulla propria identità e sul proprio carattere.
Continuiamo a farci interpellare anche dalla Strenna del Rettor Maggiore, che per il 2021 ha scelto il tema della speranza: Mossi dalla speranza. “Ecco io faccio nuove tutte le cose” (Ap 21,5). Dopo un anno segnato a livello mondiale dalla fatica della pandemia, ci sentiamo chiamati a riscoprire il valore della speranza cristiana, che è tale proprio perché ci aiuta ad avere speranza esattamente nel momento in cui le speranze umane perdono la loro forza.

PAROLA DI DIO (Gv 15,12-17)
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando.
Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l'ho fatto conoscere a voi. Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri.

LOGO MGS
Il logo di quest’anno è la casa salesiana, è il porticato dentro cui c’è sempre vita. Siamo chiamati ad entrare in questo spazio ed essere accolti da don Bosco e dai suoi figli. È una casa con le sue stanze e le sue sfaccettature e quando siamo all’interno ci sentiamo sempre accolti ed amati. IL 9, che quest’anno è di colore rosso, è il cuore del metodo e dello stile salesiano, è la fedeltà a Maria Ausiliatrice e a Gesù Eucarestia, è l’amore filiale che cresce tra le rose e le spine. È il cortile con i suoi momenti di gioco e di attività, è il cortile digitale che i giovani di oggi abitano. E troviamo anche la centralità del Sistema preventivo con la parolina all’orecchio. È l’intelligenza nelle mani di tanti ragazzi che hanno trovato lavoro grazie alle nostre case. La narrazione del logo si conclude con due elementi: un pezzo di pane che ci consente di fare gli ultimi gradini per arrivare alla finestra che ci spalanca verso il cielo.

Fino a dare la vita

Rendendosi conto che non poteva fermarlo, il giovane volontario salesiano lo abbracciò strettamente dicendo: “Morirò, ma non ti farò entrare in chiesa”. Così il giovane e il kamikaze morirono insieme. Cari lettori del Bollettino Salesiano, mi piace molto raccontare...

La scuola non si cambia accessoriandola

di Marco Pappalardo   Ora che gli insegnanti hanno iniziato le attività di preparazione per il nuovo anno scolastico, speriamo ci si metta presto alle spalle il continuo dibattito sul “Green Pass”, risolvendo la modalità di controllo nel più breve tempo...

“L’anno prossimo a Gerusalemme”

Hashana haba’a b’Yrushalayim (השנה הבאה בירושלים), ovvero “L’anno prossimo a Gerusalemme”, è la promessa che ci si scambia durante la Pasqua ebraica. È la promessa di ritrovarsi “a casa”, di poter tornare là dove tutto è nato, dove sono le radici, dove Dio si è...

Volontariato: patrimonio da accudire

Di Luigino Bruni   La crisi del Covid ha fatto capire meglio alcune cose sul volontariato. Ha fatto capire soprattutto che cosa è la cura, che cosa è questo bene maltrattato, malpagato, questo bene non stimato in quanto bene relazionale che è la cura. Anche se il...

Olimpiadi, invito alla santità

di Philip Kosloski San Giovanni Paolo II credeva che le Olimpiadi potessero essere una fonte di ispirazione per la nostra vita spirituale, incoraggiandoci a mirare alla perfezione   Ogni quattro anni, il mondo si lascia affascinare dalle Olimpiadi, ammirando la...

1^ Giornata dei nonni e degli anziani

Papa Francesco: Angelus, “senza dialogo tra giovani e nonni la storia non va avanti, la vita non va avanti” “Abbiamo appena celebrato la liturgia in occasione della prima Giornata mondiale dei nonni e degli anziani. Un applauso a tutti i nonni!”. Così il Papa, dopo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi